Prefazione dell'Autore a:

PENSIERO E DESTINO




Questo libro è stato dettato a Benoni B. Gattell a intervalli tra gli anni 1912 e 1932. Da allora è stato lavorato ancora e ancora. Ora, in 1946, ci sono poche pagine che non sono state almeno leggermente modificate. Per evitare ripetizioni e complessità, sono state eliminate intere pagine e ho aggiunto molte sezioni, paragrafi e pagine.

Senza assistenza, è dubbio che il lavoro sarebbe stato scritto, perché è stato difficile per me pensare e scrivere allo stesso tempo. Il mio corpo doveva essere fermo mentre pensavo che il soggetto si formasse e scelsi le parole appropriate per costruire la struttura della forma: e quindi gli sono davvero grato per il lavoro che ha svolto. Devo anche qui riconoscere i gentili uffici di amici, che desiderano rimanere senza nome, per i loro suggerimenti e l'assistenza tecnica nel completare il lavoro.

Il compito più difficile era ottenere termini per esprimere i soggetti reconditi trattati. Il mio arduo sforzo è stato quello di trovare parole e frasi che possano meglio trasmettere il significato e gli attributi di certe realtà incorporee e mostrare la loro inseparabile relazione con il sé cosciente nei corpi umani. Dopo ripetuti cambiamenti, ho finalmente risolto i termini qui usati.

Molti argomenti non sono resi chiari come vorrei che fossero, ma le modifiche apportate devono essere sufficienti o infinite, perché su ogni lettura sembravano consigliabili altri cambiamenti.

Non presumo di predicare a nessuno; Non mi considero un predicatore o un insegnante. Se non fossi responsabile del libro, preferirei che la mia personalità non fosse nominata come il suo autore. La grandezza dei soggetti sui quali offro informazioni, mi solleva e mi libera dall'orgoglio e proibisce la richiesta di pudore. Oserei fare dichiarazioni strane e sorprendenti al sé cosciente e immortale che è in ogni corpo umano; e do per scontato che l'individuo deciderà cosa farà o non farà con le informazioni presentate.

Le persone riflessive hanno sottolineato la necessità di parlare qui di alcune delle mie esperienze in stati di coscienza e di eventi della mia vita che potrebbero aiutare a spiegare come è stato possibile conoscere e scrivere cose che sono così in varianza con le credenze presenti. Dicono che questo è necessario perché nessuna bibliografia è allegata e nessun riferimento è offerto per giustificare le dichiarazioni qui fatte. Alcune delle mie esperienze sono state diverse da tutto ciò che ho sentito o letto. Il mio pensiero sulla vita umana e sul mondo in cui viviamo mi ha rivelato soggetti e fenomeni che non ho trovato menzionati nei libri. Ma sarebbe irragionevole supporre che tali argomenti potrebbero essere, ma essere sconosciuti agli altri. Devono esserci quelli che sanno ma non sanno dirlo. Non ho nessuna promessa di segretezza. Non appartengo a nessuna organizzazione di alcun tipo. Non ho alcuna fiducia nel dire quello che ho trovato pensando; da un pensiero costante mentre sei sveglio, non nel sonno o in trance. Non sono mai stato né desidero mai essere in trance di alcun tipo.

Ciò di cui sono stato consapevole mentre pensavo a temi come lo spazio, le unità della materia, la costituzione della materia, l'intelligenza, il tempo, le dimensioni, la creazione e l'esteriorizzazione dei pensieri, spero, spero, abbiano aperto regni per l'esplorazione e lo sfruttamento futuri . A quel punto la condotta giusta dovrebbe essere parte della vita umana e dovrebbe tenersi al passo con la scienza e l'invenzione. Quindi la civiltà può continuare e l'indipendenza con la responsabilità sarà la regola della vita individuale e del governo.

Ecco uno schizzo di alcune esperienze della mia prima infanzia:

Rhythm è stata la mia prima sensazione di connessione con questo mondo fisico. Più tardi ho potuto sentire dentro il corpo, e ho potuto sentire le voci. Ho capito il significato dei suoni fatti dalle voci; Non ho visto nulla, ma io, come sentimento, ho potuto ottenere il significato di una qualsiasi delle parole-suoni espresse, dal ritmo; e il mio sentimento ha dato forma e colore agli oggetti che erano descritti dalle parole. Quando potevo usare il senso della vista e vedere oggetti, ho trovato le forme e le apparenze che io, come sentivo, avevo sentito, in accordo approssimativo con ciò che avevo catturato. Quando ero in grado di usare i sensi della vista, dell'udito, del gusto e dell'odorato e potevo chiedere e rispondere alle domande, mi sono ritrovato ad essere un estraneo in un mondo strano. Sapevo di non essere il corpo in cui vivevo, ma nessuno poteva dirmi chi o cosa fossi o da dove venissi, e la maggior parte di quelli che avevo interrogato sembrava credere che fossero i corpi in cui vivevano.

Mi sono reso conto di essere in un corpo dal quale non potevo liberarmi. Ero perso, solo e in un triste stato di tristezza. Eventi ed esperienze ripetute mi hanno convinto che le cose non erano quello che sembravano essere; che c'è un continuo cambiamento; che non c'è permanenza di nulla; che le persone spesso dicevano il contrario di ciò che intendevano veramente. I bambini giocavano a giochi che chiamavano "finzione" o "facciamo finta". I bambini giocavano, uomini e donne praticavano finzione e finzione; relativamente poche persone erano veramente veritiere e sincere. C'era spreco nello sforzo umano e le apparenze non duravano. Le apparenze non erano fatte per durare. Mi sono chiesto: come dovrebbero essere fatte le cose che dureranno e fatte senza sprechi e disordine? Un'altra parte di me ha risposto: Primo, sappi cosa vuoi; guarda e tieni costantemente a mente la forma in cui vorresti avere ciò che desideri. Quindi pensa, lo parli e lo parli in apparenza, e ciò che pensi verrà raccolto dall'atmosfera invisibile e fissato in e attorno a quella forma. Allora non ho pensato con queste parole, ma queste parole esprimono ciò che ho poi pensato. Mi sentivo sicuro di poterlo fare, e subito provai e provai a lungo. Non sono riuscito. In mancanza mi sentivo disonorato, degradato, e mi vergognavo.

Non potevo fare a meno di essere attento agli eventi. Quello che ho sentito dire dalla gente di cose che sono successe, in particolare della morte, non sembra ragionevole. I miei genitori erano devoti cristiani. L'ho sentito leggere e ho detto che Dio ha creato il mondo; che ha creato un'anima immortale per ogni corpo umano nel mondo; e che l'anima che non ha ubbidito a Dio sarebbe stata gettata nell'inferno e avrebbe bruciato fuoco e zolfo nei secoli dei secoli. Non credevo a una parola di quello. Mi sembrava troppo assurdo supporre o credere che qualsiasi Dio o essere potesse aver creato il mondo o creato me per il corpo in cui vivevo. Mi ero bruciato il dito con una partita di zolfo e credevo che il corpo potesse essere bruciato a morte; ma sapevo che io, che ero cosciente come me, non potevo essere bruciato e non potevo morire, che il fuoco e lo zolfo non potevano uccidermi, anche se il dolore di quell'ustione era terribile. Potevo percepire il pericolo, ma non avevo paura.

La gente non sembrava sapere "perché" o "cosa", della vita o della morte. Sapevo che doveva esserci una ragione per tutto ciò che accadeva. Volevo conoscere i segreti della vita e della morte e vivere per sempre. Non sapevo perché, ma non potevo fare a meno di volerlo. Sapevo che non potevano esserci né notte né giorno né vita né morte, e nessun mondo, a meno che non ci fossero dei saggi che gestivano il mondo e la notte e il giorno, la vita e la morte. Tuttavia, ho deciso che il mio scopo sarebbe stato trovare quelli saggi che mi avrebbero detto come avrei dovuto imparare e cosa avrei dovuto fare, a ricevere i segreti della vita e della morte. Non penserei nemmeno di dirlo, la mia ferma decisione, perché la gente non capirebbe; mi avrebbero creduto pazzo o pazzo. Avevo circa sette anni in quel momento.

Trascorsero quindici o più anni. Avevo notato la diversa visione della vita di ragazzi e ragazze, mentre crescevano e si trasformavano in uomini e donne, specialmente durante la loro adolescenza, e in particolare quella della mia. Le mie opinioni erano cambiate, ma il mio scopo - trovare quelli che erano saggi, che sapevano e dai quali potevo imparare i segreti della vita e della morte - era immutato. Ero sicuro della loro esistenza; il mondo non potrebbe essere, senza di loro. Nell'ordinare gli eventi ho potuto vedere che ci deve essere un governo e una gestione del mondo, proprio come deve esserci il governo di un paese o una gestione di qualsiasi attività affinché questi continuino. Un giorno mia madre mi ha chiesto cosa credevo. Senza esitazione ho detto: so senza dubbio che la giustizia governa il mondo, anche se la mia stessa vita sembra essere la prova che non lo è, perché non vedo alcuna possibilità di realizzare ciò che conosco intrinsecamente e ciò che desidero di più.

In quello stesso anno, nella primavera di 1892, ho letto su un giornale della domenica che una certa signora Blavatsky era stata una scolara di saggi in Oriente che si chiamavano Mahatma; che attraverso vite ripetute sulla terra, avevano raggiunto la saggezza; che possedevano i segreti della vita e della morte, e che avevano indotto Madam Blavatsky a formare una Società Teosofica, attraverso la quale i loro insegnamenti potevano essere dati al pubblico. Ci sarebbe stata una lezione quella sera. Sono andato. Più tardi divenni un membro ardente della Compagnia. L'affermazione che c'erano uomini saggi - con qualunque nome si chiamassero - non mi sorprese; quella era solo una prova verbale di ciò di cui ero intrinsecamente sicuro come necessario per il progresso dell'uomo e per la direzione e la guida della natura. Ho letto tutto quello che potevo su di loro. Pensai di diventare un allievo di uno dei saggi; ma la continua riflessione mi portò a capire che la vera strada non era l'applicazione formale a nessuno, ma il fatto di essere me stesso in forma e pronto. Non ho visto né sentito, né ho avuto alcun contatto con "i saggi" come avevo concepito. Non ho avuto nessun insegnante. Ora ho una migliore comprensione di tali argomenti. I veri "Wise Ones" sono Triune Selves, in The Realm of Permanence. Ho cessato la connessione con tutte le società.

Da novembre di 1892 sono passato attraverso esperienze sorprendenti e cruciali, in seguito alle quali, nella primavera di 1893, è avvenuto l'evento più straordinario della mia vita. Avevo attraversato 14th Street a 4th Avenue, a New York City. Automobili e persone si stavano affrettando. Mentre si avvicinava all'angolo nord-est del marciapiede, la Luce, più grande di quella di miriadi di soli, si apriva nel centro della mia testa. In quell'istante o punto, le eternità furono catturate. Non c'era tempo. La distanza e le dimensioni non erano evidenti. La natura era composta di unità. Ero consapevole delle unità della natura e delle unità come Intelligenze. Dentro e oltre, per così dire, c'erano luci più grandi e minori; il maggiore che pervade le Luci minori, che ha rivelato i diversi tipi di unità. Le Luci non erano di natura; erano luci come intelligenze, luci coscienti. Rispetto alla luminosità o alla luminosità di quelle luci, la luce del sole circostante era una nebbia densa. E dentro e attraverso tutte le Luci, le unità e gli oggetti ero consapevole della Presenza della Coscienza. Ero consapevole della Coscienza come Realtà Ultima e Assoluta e cosciente della relazione delle cose. Non ho provato brividi, emozioni o estasi. Le parole falliscono completamente nel descrivere o spiegare la COSCIENZA. Sarebbe inutile tentare di descrivere la sublime grandezza e il potere, l'ordine e la relazione in equilibrio di ciò che allora ero consapevole. Per due volte durante i successivi quattordici anni, per un lungo periodo in ogni occasione, ero consapevole della Coscienza. Ma durante quel tempo ero consapevole di non più di quanto ne fossi consapevole in quel primo momento.

Essere consapevoli della Coscienza è l'insieme di parole correlate che ho scelto come frase per parlare di quel momento più potente e notevole della mia vita.

La coscienza è presente in ogni unità. Quindi la presenza della Coscienza rende ogni unità cosciente come la funzione che svolge nel grado in cui è cosciente.

Essere consapevoli della Coscienza rivela l'ignoto a colui che è stato così consapevole. Allora sarà il dovere di colui che farà conoscere ciò che può essere consapevole della Coscienza.

Il grande valore nell'essere cosciente della Coscienza è che permette di conoscere qualsiasi argomento, pensando. Il pensiero è la presa costante della Luce Cosciente sul soggetto del pensiero. In breve, il pensiero è di quattro fasi: selezionare il soggetto; tenendo la luce cosciente su quel soggetto; focalizzare la luce; e, il centro della luce. Quando la luce è focalizzata, il soggetto è conosciuto. Con questo metodo, Thinking and Destiny è stato scritto.

Lo scopo speciale di questo libro è: dire al sé cosciente nei corpi umani che siamo parti inseparabili delle trinità coscientemente immortali individuali, gli Sé Trini, che, dentro e oltre il tempo, vivevano con le nostre grandi parti di pensatore e conoscitore in corpi perfetti senza sesso nel regno della permanenza; che noi, il sé cosciente ora nei corpi umani, abbiamo fallito in una prova cruciale, e quindi esiliati da quel Regno di Permanenza in questo mondo temporale di uomini e donne di nascita, morte e ri-esistenza; che non ne abbiamo memoria perché ci mettiamo in un sonno auto-ipnotico, per sognare; che continueremo a sognare attraverso la vita, attraverso la morte e ritorno alla vita; che dobbiamo continuare a fare questo fino a quando non de-ipnotizziamo, svegliandoci dall'ipnosi in cui ci mettiamo; che, per quanto tempo ci vuole, dobbiamo svegliarci dal nostro sogno, diventare coscienti di noi stessi come noi stessi nei nostri corpi, e quindi rigenerare e ripristinare i nostri corpi alla vita eterna nella nostra casa - Il Regno di Permanenza da cui siamo venuti - che permea questo nostro mondo, ma non è visto da occhi mortali. Quindi prenderemo consapevolmente i nostri posti e continueremo le nostre parti nell'ordine eterno della progressione. Il modo per ottenere ciò è mostrato nei capitoli che seguono.

A questo scritto il manoscritto di questo lavoro è con la stampante. C'è poco tempo per aggiungere ciò che è stato scritto. Durante i molti anni della sua preparazione, mi è stato spesso chiesto di includere nel testo alcune interpretazioni di brani biblici che sembrano incomprensibili, ma che, alla luce di quanto affermato in queste pagine, hanno un senso e un significato, e quali , allo stesso tempo, corroborare le dichiarazioni fatte in questo lavoro. Ma ero contrario a fare confronti o mostrare corrispondenze. Volevo che questo lavoro fosse giudicato esclusivamente per i suoi meriti.

Nell'ultimo anno ho comprato un volume contenente The Lost Books of the Bible e The Forgotten Books of Eden. Analizzando le pagine di questi libri, è stupefacente vedere quanti passaggi strani e altrimenti incomprensibili possono essere compresi quando si comprende ciò che è qui scritto sul Sé Trino e le sue tre parti; sulla rigenerazione del corpo fisico umano in un corpo fisico perfetto, immortale, e il Regno di Permanenza, che nelle parole di Gesù è il "Regno di Dio".

Ancora una volta sono state fatte richieste di chiarimenti sui brani della Bibbia. Forse è bene che ciò sia fatto e anche che i lettori di Pensiero e Destino ricevano qualche prova per corroborare alcune affermazioni in questo libro, che possono essere trovate sia nel Nuovo Testamento che nei libri sopra menzionati. Perciò aggiungerò una quinta sezione al Capitolo X, Gods and their Religions, che tratta di questi argomenti.

HWP

New York, marzo 1946

Continua su Introduzione ➔