La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 14 OTTOBRE, 1911. No. 1

Copyright, 1911, di HW PERCIVAL.

VOLO.

(Concluso dal numero di settembre.)

L'UOMO ha il potere di superare la gravitazione e sollevare il suo corpo fisico e prendere voli aerei al suo interno, sicuramente come nel suo pensiero può volare verso parti distanti della terra. È difficile per un uomo scoprire e sfruttare il suo potere sulla gravità e sul volo, perché il suo corpo fisico è così pesante e perché crolla se non lo regge, e perché non ha visto nessuno alzarsi e muoversi liberamente attraverso l'aria senza congegni meccanici.

La legge chiamata gravitazione governa ogni particella della materia fisica, raggiunge e attraversa il mondo emotivo psichico ed esercita una potente influenza sulla mente stessa. È naturale che la gravitazione abbia la sua misteriosa attrazione sui corpi fisici e li faccia sentire pesanti trascinandoli verso il suo centro di gravità fisico il centro della terra. Il baricentro della terra tira il baricentro in ogni corpo fisico attorno ad esso e costringe ogni corpo fisico a giacere piatto sulla terra quanto la trazione può farcela. Questo è il motivo per cui l'acqua trova il suo livello, perché un oggetto cade fino a quando le sue parti più pesanti sono più vicine alla terra e perché il corpo fisico dell'uomo crolla quando non lo regge. Ma quando il corpo fisico di un uomo cade a causa dell'attrazione della gravitazione, può sollevarlo di nuovo se il filo della vita di quel corpo fisico non è stato spezzato dalla caduta. Nessuno è sorpreso nel sentire che un uomo è caduto, perché le cadute sono di frequente accadimento e tutti hanno sperimentato il fatto della gravitazione. Chiunque sarebbe sorpreso se dovesse alzarsi in aria, perché non ha avuto quell'esperienza e non pensa di poter superare la gravitazione. Quando il corpo di un uomo giace a terra prostrato, come lo solleva e lo mette in piedi e lo bilancia lì? Per sollevare la sua massa corporea, i legamenti, i muscoli e i nervi sono stati chiamati in gioco. Ma qual è il potere che ha operato questi e che ha davvero sollevato il corpo? Quel potere è misterioso come l'attrazione della gravitazione. L'attrazione della gravitazione viene superata nella misura in cui la maggior parte del corpo viene sollevata da terra. Lo stesso potere con cui un uomo fa alzare il proprio corpo in piedi gli permetterà di sollevare quel corpo in aria. All'uomo ci sono voluti almeno un anno per imparare a sollevare il suo corpo, reggerlo in piedi e farlo camminare. Ora può farlo in pochi secondi, perché ha fiducia e ha insegnato al corpo come farlo. Ci vorrà del tempo per imparare a sollevare il proprio corpo in aria, se possibile, con lo stesso potere con cui ora alza il suo corpo e lo mette in piedi.

Quando l'uomo ha imparato a sollevare e abbassare il proprio corpo in aria, il procedimento sembrerà naturale e banale come lo è ora alzarsi o sedersi. Nella prima infanzia, alzarsi da soli era un'impresa pericolosa e camminare sul pavimento era un'impresa spaventosa. Non è ora così considerato. Ora è più facile per l'aviatore salire sul suo aereo e volare in aria di quanto non lo fosse nella prima infanzia alzarsi e camminare.

Chi pensa che un essere umano non possa sollevarsi in aria senza contatto o assistenza estranea e che afferma che un tale evento sarebbe senza precedenti o dovuto a pratiche fraudolente, ignora quel dipartimento della storia che si occupa di fenomeni. Nella letteratura dei paesi dell'est ci sono numerosi resoconti di uomini che si sono alzati da terra, sono rimasti sospesi o si sono mossi in aria. Questi eventi sono stati registrati per un gran numero di anni fino ad oggi, e talvolta sono stati testimoniati da grandi raduni di persone. Ci sono numerosi resoconti nella letteratura del Medioevo e in tempi più moderni, della levitazione dei santi della chiesa e di altri estatici. Tali fenomeni sono stati registrati dagli scettici e nella storia della chiesa. La storia dello spiritismo moderno fornisce numerosi dettagli di tali fenomeni.

Si può obiettare che tali registrazioni non sono state fatte da uomini competenti addestrati secondo i moderni metodi di indagine scientifica. Tale obiezione non sarà fatta dall'investigatore onesto quando gli vengono fornite prove fornite da un investigatore competente e affidabile dei tempi moderni.

Sir William Crookes è una tale autorità. Nelle sue "Note di un'indagine sui fenomeni chiamati spirituali", che furono pubblicate per la prima volta nel "Quarterly Journal of Science", gennaio 1874, e sotto il sottotitolo "La levitazione degli esseri umani", scrive: "Il più casi sorprendenti di levitazione a cui ho assistito sono stati con Mr. Home. In tre diverse occasioni l'ho visto sollevato completamente dal pavimento della stanza. Una volta seduto su una poltrona, una volta in ginocchio sulla sua sedia e una volta in piedi. In ogni occasione ho avuto la piena opportunità di assistere all'evento mentre si stava verificando. “Ci sono almeno un centinaio di casi registrati di Mr. Home che si alza da terra, in presenza di altrettante persone separate, e ho sentito dalle labbra dei tre testimoni il più sorprendente evento di questo tipo: il Conte di Dunraven, Lord Lindsay e il Capitano C. Wynne: i loro resoconti più minuti di ciò che accadde. Rifiutare le prove registrate su questo argomento equivale a respingere qualsiasi testimonianza umana, poiché nessun fatto nella storia sacra o profana è supportato da una serie più forte di prove. La testimonianza accumulata che stabilisce le levitazioni di Mr. Home è travolgente. "

L'uomo può volare attraverso l'aria nel suo corpo fisico con uno dei due metodi. Può volare nel suo corpo fisico senza alcun supporto o attaccamento, o può volare usando un attaccamento ad ala al suo corpo. Perché un uomo possa volare senza aiuto e senza alcun attaccamento, il suo corpo deve diventare più leggero dell'aria e deve indurre la forza motrice del volo. Chi volerebbe con un attaccamento simile ad un'ala può avere un corpo pesante, ma per volare deve indurre la forza motrice del volo. Il primo metodo è più difficile del secondo. Pochi di coloro che sono registrati per essersi alzati e si sono mossi in aria lo hanno fatto volontariamente e in un determinato momento. Molti di quelli che si dice si siano alzati e galleggiati nell'aria lo hanno fatto come risultato del digiuno, della preghiera, di una condizione malata del corpo o delle loro peculiari pratiche o abitudini di vita. Le loro abitudini o pratiche peculiari o devozioni mentali agivano sulla natura psichica interna e la incorporavano con la forza della leggerezza. La forza della leggerezza dominava la forza di gravità o il peso del corpo e sollevava il corpo fisico nell'aria. Non è necessario che uno che si alzi e guidi i suoi movimenti attraverso l'aria per diventare un asceta, essere malato o seguire pratiche peculiari. Ma se controlla la forza di gravità o il peso del suo corpo e induce la forza motrice del volo, deve essere in grado di selezionare un argomento di pensiero e seguirlo fino alla sua conclusione senza interruzione da altri treni di pensiero; e deve imparare a dominare il suo corpo fisico e renderlo sensibile al suo pensiero.

È impossibile per uno superare la gravità che è sicuro di non poterlo fare. Affinché un uomo impari a esercitare volontariamente un'influenza sul peso del suo corpo, deve iniziare con una ragionevole sicurezza che può. Lascia che uno cammini fino al bordo di un alto edificio e guardi in fondo alla strada, oppure lascialo guardare da una roccia a strapiombo nelle profondità di un abisso. Se non ha mai avuto un'esperienza simile, si ritirerà spaventato o si afferrerà il suo supporto, per resistere alla strana sensazione che sembra una spinta verso il basso o come se stesse cadendo. Coloro che hanno spesso avuto esperienze del genere spingono ancora istintivamente contro il loro supporto per resistere alla strana forza che sembra trascinarli giù mentre guardano nelle profondità. Questa forza di attrazione è stata così grande che in alcuni casi ha richiesto gli sforzi di molti uomini per tirare un altro del loro numero che sarebbe caduto dal bordo di una grande altezza. Eppure, un gatto potrebbe camminare lungo il bordo senza la minima paura di cadere.

Poiché tali esperimenti saranno la prova che la gravità o il peso del corpo possono essere aumentati dalla forza di trazione o di trazione, altri esperimenti daranno prova che la gravità può essere superata da un esercizio della forza della leggerezza. In una sera al buio della luna, quando le stelle sono luminose e non ci sono nuvole nel cielo, quando la temperatura è gradevole e non c'è nulla da disturbare, lascia che uno si stenda sulla schiena con le braccia distese sul terreno, e nel modo più comodo possibile. Il luogo selezionato dovrebbe essere uno in cui nessun albero o altro oggetto sulla terra si trovi nel raggio di visione. Quindi lascialo guardare in alto tra le stelle. Lascialo respirare facilmente, sentirsi a riposo e dimenticare la terra pensando alle stelle e al suo muoversi tra loro o negli spazi attraverso i quali si muovono. O lascia che scelga un posto tra un gruppo di stelle e immagini che viene disegnato lì o fluttua nello spazio verso quel punto. Mentre dimentica la terra e pensa di muoversi liberamente nella vastità dello spazio stellare, sperimenta una leggerezza e una caduta o assenza della terra. Se il suo pensiero è chiaro, costante e senza paura, in realtà si innalzerà nel suo corpo fisico dalla terra. Ma non appena la terra cade viene invariabilmente preso dalla paura. Il pensiero di lasciare la terra lo sconvolge, e affonda indietro e si tiene sulla terra. È bene che tali come hanno fatto questo o un simile esperimento non siano saliti lontano dalla terra, perché senza ulteriori conoscenze la leggerezza non avrebbe potuto essere mantenuta a lungo nel pensiero. La gravità avrebbe influenzato la mente, instabile il pensiero, e il corpo fisico sarebbe caduto e sarebbe stato schiacciato sulla terra.

Ma chi ha avuto successo in un esperimento al punto in cui la terra sta per cadere e lasciarlo fluttuare nello spazio non dubiterà mai della possibilità del volo libero dell'uomo.

Perché il corpo di un uomo è influenzato dal suo pensiero di peso o di leggerezza? Perché un gatto o un mulo cammineranno sull'orlo di un precipizio, mentre un uomo comune non può stare con la sicurezza sul bordo e guardare in basso? Il gatto o il mulo non mostrerà alcun segno di paura fintanto che i loro piedi saranno al sicuro. Non hanno paura di cadere, perché non riescono e non riescono a immaginarsi di cadere. Poiché non immaginano né formano l'immagine di una caduta, non c'è la minima probabilità che lo faranno. Quando un uomo guarda oltre il bordo di un precipizio, viene suggerito il pensiero di cadere; e, se non si distende, è probabile che il pensiero superi la sua posizione e lo faccia cadere. Se il suo piede è sicuro, non cadrà, a meno che non pensi di cadere. Se il suo pensiero di cadere è abbastanza forte, sicuramente cadrà, perché il suo corpo deve seguire il suo centro di gravità quando e dove quel centro viene proiettato dal pensiero. Un uomo non ha difficoltà a camminare su una tavola larga sei pollici e ha sollevato un piede da terra. Non è probabile che diventi vertiginoso e cada. Ma solleva quella tavola a tre metri da terra e la percorre con cautela. Lascia che tenti di attraversare un ponte nudo largo tre piedi e si estenda attraverso una gola con una cataratta ruggente sotto di lui. Se non pensa alla cataratta o alla gola e pensa solo al ponte su cui dovrebbe camminare, è meno probabile che cada da quel ponte piuttosto che cadere dal bordo largo sei pollici. Ma pochi sono in grado di attraversare in sicurezza un ponte del genere. Quell'uomo può imparare a superare fino a un certo punto la paura di cadere è dimostrata dalle imprese di acrobati. Blondin percorse una corda tesa attraverso le Cascate del Niagara e non incontrò contrattempo.

Tranne quando un'altra forza viene esercitata su corpi fisici, tutti i corpi fisici sono controllati dalla forza chiamata gravità o gravità. Ogni corpo fisico è tenuto per gravità vicino alla terra fino a quando non vengono utilizzati i mezzi per spostarlo e l'altra forza viene utilizzata per sollevarlo. Che gli oggetti fisici possano essere sollevati da terra senza alcun contatto fisico è dimostrato dalla "levitazione dei tavoli", o dei "mezzi", da una forza usata nello spiritismo. Chiunque può trascinare un pezzo di acciaio lungo o sollevarlo da terra dalla forza esercitata attraverso un magnete.

L'uomo può imparare a usare una forza che supererà la forza di gravità e darà leggerezza al suo corpo e causerà il suo aumento nell'aria. Per elevare il suo corpo fisico in aria un uomo deve conformarsi e sintonizzarsi sulla sua struttura molecolare e caricarlo con la forza della leggerezza. Può caricare il suo corpo molecolare di leggerezza respirando e con un certo pensiero ininterrotto. In determinate condizioni l'innalzamento del suo corpo dalla terra può essere realizzato cantando o cantando certi suoni semplici. La ragione per cui certi canti o canti possono influenzare così tanto il corpo fisico è che il suono ha un effetto immediato sulla struttura molecolare di ogni corpo fisico. Quando il pensiero di leggerezza è inteso a sollevare il corpo e vengono prodotti i suoni necessari, essi influenzano la struttura molecolare dall'interno e dall'esterno e, dato il ritmo e il timbro corretti, risponderanno al pensiero di leggerezza, che indurre il corpo a sollevarsi nell'aria.

Si può comprendere la possibilità di sollevare il proprio corpo attraverso l'uso intelligente del suono, se ha prestato attenzione all'effetto che la musica ha prodotto su di lui e su altri, o se ha avuto occasione di essere presente a certi incontri di risveglio religioso , in cui alcuni dei presenti sembravano colti da una certa estasi e si erano inciampati così leggermente sul pavimento da non toccarlo quasi mentre cantavano. La dichiarazione spesso fatta da uno di un raduno entusiasta che "Sono stato quasi sollevato da me stesso", o, "Come stimolante ed edificante!" dopo il rendering di una certa musica, è una prova di come la struttura molecolare è influenzata dal suono e di come il corpo molecolare risponde quando è in armonia con o gradevole al pensiero. Ma poi uno è in una condizione negativa. Per sollevarsi volontariamente da terra deve essere in un atteggiamento mentale positivo e deve caricare il suo corpo molecolare con il suo respiro volontario e renderlo positivo alla terra, con la forza della leggerezza.

Per caricare il corpo molecolare di leggerezza, per vincere la gravità respirando e sollevandosi nell'aria, si dovrebbe respirare profondamente e liberamente. Mentre il respiro viene preso nel corpo, lo sforzo dovrebbe essere quello di sentirlo mentre sembra attraversare il corpo. Questa sensazione può essere un leggero aumento verso il basso attraverso il corpo e verso l'alto attraverso il corpo ad ogni inspirazione ed espirazione. La sensazione è un po 'come se il respiro passasse attraverso tutto il corpo verso il basso e verso l'alto. Ma l'aria che viene inspirata non passa attraverso il corpo. L'apparente formicolio o impennata o sensazione del respiro è una sensazione del sangue mentre circola attraverso le arterie e le vene. Quando si respira facilmente e profondamente e si cerca di sentire il respiro attraverso il corpo, il respiro è il portatore del pensiero. Mentre l'aria viene aspirata nelle camere d'aria dei polmoni, questo pensiero che lo pervade viene impresso sul sangue quando il sangue entra negli alveoli polmonari per ossigenazione; e, mentre il sangue ossigenato va verso il basso o verso le estremità del corpo, il pensiero lo accompagna e produce la sensazione di impennata o formicolio o respiro, alle estremità e viceversa, verso l'alto verso il cuore e i polmoni. Mentre la respirazione continua e il pensiero della respirazione attraverso il corpo e della leggerezza viene continuato ininterrottamente, il corpo fisico si sente come se tutte le sue parti fossero vive e si sentisse il sangue, che è vivo e che può sembrare il respiro. mentre circola in tutto il corpo. Mentre il sangue circola, agisce e carica ogni cellula del corpo con la qualità della leggerezza con cui viene colpito. Quando le cellule sono state caricate della qualità della leggerezza, viene stabilita una connessione immediata tra loro e la struttura della forma intercellulare o molecolare del corpo fisico con un respiro interno, il cui respiro interno è il vero portatore del pensiero di leggerezza. Non appena viene stabilita la connessione tra il respiro interno e la forma molecolare del corpo fisico, viene prodotto un intero cambiamento in tutto il corpo. Il cambiamento è vissuto come una specie di estasi. Poiché il pensiero dominante che dirige il respiro interno è di leggerezza, la forza di leggerezza supera la forza di gravità. Il corpo fisico quindi perde peso. Se rimane sul terreno dove si trova, o si adagia, sarà leggero come il cardo. Il pensiero di salire è un ordine per il corpo fisico di ascendere, quando il pensiero di ascendere è più in alto. Quando il respiro viene inalato, viene trasformato dal diaframma in una corrente verso l'alto ai polmoni. Il respiro interno che agisce attraverso il respiro fisico esterno consente al corpo di sollevarsi. Mentre il respiro aspira, può venire il suono di un vento impetuoso o come l'immobilità dello spazio. La forza della leggerezza ha quindi superato la gravità per il tempo e l'uomo sale nell'aria nel suo corpo fisico in un'estasi che non aveva mai sperimentato prima.

Quando l'uomo impara così ad ascendere, non ci sarà pericolo che ricada improvvisamente sulla terra. La sua discesa sarà graduale come desidera. Man mano che impara ad ascendere, perderà la paura di cadere. Quando la gravità viene superata, non c'è senso del peso. Quando non c'è senso di peso, non c'è paura di cadere. Quando viene esercitata la forza della leggerezza, l'uomo può sollevarsi e rimanere sospeso nell'aria a qualsiasi altezza possibile per la respirazione fisica. Ma non può ancora volare. Un controllo della forza della leggerezza è necessario per l'uomo che volerebbe nel suo corpo fisico senza alcun attaccamento o congegno fisico. Ma la leggerezza da sola non gli permetterà di volare. Per volare deve indurre un'altra forza, la forza motrice del volo.

La forza motrice del volo muove un corpo lungo un piano orizzontale. La forza della leggerezza muove un corpo verso l'alto in direzione verticale, mentre la gravità lo trascina verso il basso in direzione verticale.

Quando la forza della leggerezza è controllata, la forza motrice del volo è indotta dal pensiero. Quando uno ha superato la gravità o il peso del suo corpo fisico controllando la forza della leggerezza e si è alzato in aria, indurrà, naturalmente, la forza motrice del volo, perché penserà a un luogo in cui andrebbe . Non appena pensa alla direzione in un determinato luogo, il pensiero collega la forza motrice del volo con la forma molecolare del corpo del fisico, e il corpo fisico viene spostato in avanti dalla forza motrice del volo, analogamente alla forza elettrica indotta da un la corrente magnetica muove un oggetto, come un carrello lungo un binario.

Chi ha imparato a volare controllando la forza della leggerezza e usando la forza motrice del volo può percorrere grandi distanze in poco tempo o passare tranquillamente in aria come preferisce. La velocità alla quale viaggia è limitata solo dalla capacità del corpo di superare l'attrito causato dal suo passaggio nell'aria. Ma anche l'attrito può essere superato dal controllo della propria atmosfera e dall'imparare ad adattarlo all'atmosfera della terra. Il pensiero guida la forza motrice del volo e fa sì che agisca sul corpo della forma molecolare, che sposta il fisico in qualunque posto si desideri andare.

Il volo con i mezzi qui indicati può attualmente sembrare impossibile. È impossibile per alcuni al momento, ma è possibile per altri. È particolarmente impossibile per coloro che sono sicuri che sia impossibile. Non è probabile che coloro che credono possibile impareranno a volare nel modo qui descritto, poiché, sebbene l'organismo psichico necessario per lavorare possa essere il loro, potrebbero non avere qualità mentali, come pazienza, perseveranza, controllo del pensiero e potrebbe non essere disposto ad acquisire queste qualità. Tuttavia, ci sono alcuni che hanno l'organismo psichico e le caratteristiche mentali necessarie, e per questi è possibile.

Coloro che si oppongono al tempo e all'esercizio del pensiero necessari per il successo non sono quelli che realizzeranno l'arte di alzarsi e muoversi attraverso l'aria nei loro corpi fisici, senza mezzi meccanici. Dimenticano il tempo impiegato, le difficoltà che hanno dovuto superare e l'assistenza fornita dai loro genitori o insegnanti prima che fossero in grado di controllare i movimenti dei loro corpi fisici. Devono essere superate difficoltà maggiori di quelle e più tempo trascorso prima che l'uomo possa acquisire il potere di volare senza mezzi fisici. L'unica assistenza che può aspettarsi è la fede nella propria conoscenza intrinseca e nel suo potere latente.

Il corpo umano nasce con la potenziale capacità di camminare e controllare i suoi movimenti fisici, le cui tendenze sono ereditate dai suoi genitori e una lunga stirpe di antenati. È possibile che in tenera età l'uomo avesse il potere di volare, il che spiegherebbe le nozioni apparentemente strane conservate e tramandate a noi nelle mitologie e nelle leggende dei Greci, degli Indù e di altre razze antiche e che perse il potere come progredì e si interessò maggiormente al suo sviluppo fisico e più materiale. Indipendentemente dal fatto che un uomo in età precedente potesse volare, ora deve addestrare il suo pensiero e adattare il suo corpo fisico allo scopo se intende guidare i suoi movimenti attraverso l'aria in modo naturale e più rapido di quanto ora guida il suo corpo fisico sulla terra.

È più probabile che l'uomo imparerà a volare con il secondo metodo di volo, che è un leggero attaccamento fisico al suo corpo, rispetto al primo mezzo di volo, che è stato brevemente delineato.

Il secondo mezzo di volo che l'uomo può imparare è volare come gli uccelli volano, con la forza motrice del volo, senza il superamento della gravità e senza la diminuzione del peso del suo corpo fisico. Per questo tipo di volo sarà necessario ideare e utilizzare una struttura ad ala, così fissata al corpo da poter essere utilizzata con la facilità e la libertà con cui gli uccelli usano le ali. Resta inteso che il potere di volare dipende dalla sua capacità di indurre la forza motrice del volo, e non dallo sbattimento o dal battito della struttura ad ala che attaccherà al suo corpo. Il meccanismo a forma di ala sarà usato per alzarsi in aria quando viene indotta la forza motrice del volo, per mantenere un equilibrio nell'aria, per guidare il corpo in qualsiasi direzione desiderata e per scendere gradualmente in qualsiasi luogo senza ferire corpo.

Preparativi per indurre la forza motrice del volo, si dovrebbe addestrare il proprio corpo e il proprio pensiero al raggiungimento del volo. Mattina e sera sono i periodi più adatti per abituare il corpo a tale impresa ed esercitare il pensiero con l'oggetto del volo.

Nella calma del mattino e della sera lascia che chi ha una fede profonda e tranquilla in se stesso e che crede sia possibile volare, si alzi su una leggera salita su un'ampia pianura o su una collina che domina una vista ampia e ininterrotta della terra ondeggiando in lontananza. Lascialo guardare le ampie distanze così intimamente come guarda il luogo in cui si trova, e lasciagli pensare alla leggerezza e alla libertà dell'aria mentre respira profondamente e regolarmente. Mentre il suo occhio segue le ondulazioni in lontananza, lascia che abbia un desiderio di protendersi e di volare, come sa che gli uccelli possono, sulla scena sotto di lui. Mentre respira, fagli sentire che l'aria che aspira ha una leggerezza, come se lo sollevasse verso l'alto. Quando sente la leggerezza dell'aria, dovrebbe tenere le gambe unite e alzare le braccia in posizione orizzontale con i palmi verso il basso mentre inspira l'aria leggera. Dopo aver continuato a praticare questi movimenti, potrebbe provare una calma gioia.

Questi esercizi e questa sensazione sintonizzano il corpo della forma molecolare all'interno e attraverso la materia fisica del suo corpo con la forza motrice del volo. Mentre gli esercizi continuano senza la mancanza di fiducia nel suo potere intrinseco di volare, attraverso la sua forma molecolare il corpo percepirà la vicinanza della forza motrice del volo, e si sente come se fosse un uccello che anche lui dovrebbe volare. Mentre mette in contatto il suo corpo di forma molecolare con la forza motrice del volo, in uno dei suoi esercizi, simultaneamente al suo respiro, raggiungerà verso l'esterno con le sue braccia e le sue gambe con un movimento come il nuoto, e si collegherà in modo intuitivo con il pensiero o indurre la forza motrice del volo ad agire sul corpo della forma molecolare del suo fisico, e verrà spinto in avanti. Con una leggera spinta dei suoi piedi da terra verrà portato in avanti per una breve distanza attraverso l'aria, oppure potrebbe cadere dopo solo pochi piedi. Ciò dipenderà dall'idoneità del contatto tra il suo corpo a forma molecolare e dalla forza motrice del volo, e dal suo potere di pensiero per continuare il rapporto che aveva instaurato tra loro. Il contatto stabilito una volta, tuttavia, gli darà la certezza di poter volare.

Ma sebbene abbia dimostrato ai suoi sensi fisici che si parla della forza motrice di cui si parla, non sarà in grado di volare senza un certo accento per rispondere allo scopo delle ali e della coda come usa un uccello. Indurre la forza motrice del volo senza un attaccamento ad ala al suo corpo sarebbe pericoloso o disastroso per il corpo fisico, perché quando indotta la forza motrice spingerebbe il corpo in avanti, ma l'uomo non sarebbe in grado di guidare il suo volo e lui sarebbe costretto lungo il terreno senza la possibilità di dare una direzione, tranne che di tanto in tanto potrebbe allungare le mani o spingere il terreno con i piedi.

Per ottenere la prova che la forza motrice del volo non è una fantasia né una figura retorica, e per vedere i risultati dell'azione e dell'uso della forza motrice del volo, si dovrebbe studiare il volo di alcuni uccelli. Se lo studio viene condotto meccanicamente, non è probabile che scoprirà la forza motrice del volo né capirà come gli uccelli lo inducono e lo usano. Il suo atteggiamento mentale nell'osservare gli uccelli e i loro movimenti dovrebbe essere di simpatia. Dovrebbe provare a seguire i movimenti di un uccello, come se fosse in quell'uccello. In questo atteggiamento mentale è più probabile che sappia perché e come un uccello muove le ali e la coda come fa, e come aumenta e diminuisce il suo volo. Dopo aver conosciuto la forza o l'uso a cui viene sottoposto dagli uccelli, può sottoporre la sua azione a misurazioni e prove esatte. Ma prima di averlo scoperto non dovrebbe cercarlo meccanicamente.

Tra gli uccelli che usano la forza motrice del volo per volare ci sono l'oca selvatica, l'aquila, il falco e il gabbiano. Chi desidera studiare la forza motrice in azione dovrebbe cercare l'opportunità di osservarli. Il momento migliore per osservare le oche selvatiche in volo è la sera e la mattina nell'autunno dell'anno, quando migrano verso sud per sfuggire all'inverno settentrionale. Il posto migliore per osservare il loro volo è lungo le rive di uno degli stagni o dei laghi in cui sono abituati a scendere durante un viaggio di spesso migliaia di miglia. Uno stormo di oche vola troppo in alto, quando non intende scendere, affinché uno studente di volo ottenga buoni risultati dall'osservazione dei suoi movimenti, quindi lascialo osservare, se possibile, in un lago o stagno dove intendono riposati prima di continuare il loro lungo volo. Dato che le oche sono molto diffidenti e hanno un forte istinto, l'osservatore dovrebbe essere nascosto alla vista e non dovrebbe avere armi da fuoco con lui. Mentre ascolta il clacson e alza lo sguardo, sarà colpito dai corpi pesantemente costruiti che navigano nell'aria rapidamente e facilmente, accompagnati dal regolare movimento delle loro ali. A prima vista potrebbe sembrare che questi uccelli volino per mezzo delle loro ali. Ma mentre l'osservatore entra in contatto con uno degli uccelli e ne sente i movimenti, scoprirà che le ali non consentono a quell'uccello di volare. Scoprirà o sembrerà che ci sia una forza che contatta l'organismo nervoso dell'uccello e lo spinge in avanti; che l'uccello muove le sue ali così come fa, non per forzarsi in avanti ma per bilanciare il suo corpo pesante attraverso le correnti variabili dell'aria e con la sua respirazione regolare per eccitare il suo organismo nervoso che mantiene il suo corpo di forma molecolare in contatto con la forza motrice di volo. Il grande corpo dell'uccello è troppo pesante per consentirgli di librarsi, con la sua superficie alare relativamente piccola. Le ali sono muscolose e fortemente costruite a causa dei lunghi movimenti muscolari continui durante il volo. Se l'osservatore ha esaminato il corpo di un'oca selvatica, si renderà conto che la velocità con cui vola non si sviluppa battendo l'aria con le sue ali. I movimenti delle ali non sono abbastanza rapidi da produrre tale velocità. Mentre l'uccello si illumina sull'acqua, la corrente della forza motrice del volo viene disattivata da un cambiamento nella sua respirazione e cessando i movimenti delle sue ali. Osservando uno dei stormi che sta per sorgere dall'acqua, si può pensare che respiri profondamente. Vedrà che sbatte le ali una o due volte e può quasi sentire la corrente motrice quando l'uccello prende slancio mentre spinge verso il basso con i suoi piedi e la coda e scivola facilmente in aria.

L'aquila o il falco possono essere osservati in condizioni diverse. In qualsiasi momento con tempo piacevole mentre si cammina sui campi si può vedere un falco che scivola silenziosamente e apparentemente senza sforzo attraverso l'aria, come se galleggiasse o fosse soffiato in avanti dal vento. La mente più noiosa sarà colpita da quella facile planata. Lo studente di volo ha l'opportunità di rilevare la forza motrice che porta avanti l'uccello e di imparare l'uso e lo scopo delle sue ali. Lascialo stare fermo e nei pensieri, entra dentro quell'uccello e sentiti come fa in volo, e impara a pensare a volare come fa con il suo corpo. Mentre viene portato avanti, viene immessa una nuova corrente d'aria e le ali si alzano e si abbassano per soddisfare il cambiamento. Non appena il corpo si adegua alle correnti, si alza in volo e con acuta vista guarda in basso sui campi. Qualche oggetto lo attrae e, senza sbattere le ali, si lancia verso il basso; oppure, se l'oggetto non fa per lui, regola le sue ali, che incontrano l'aria e la portano di nuovo verso l'alto. Raggiunta la sua abituata altezza, si innalza di nuovo in avanti o, se desidera attendere fino a quando l'oggetto in vista non è pronto per prenderlo, diminuisce la forza motrice e spazza in curve aggraziate fino a quando non è pronto a scendere. Quindi spara. Mentre si avvicina al terreno, spegne la corrente motrice, alza le ali in alto, si abbassa, quindi sbatte le palpebre per spezzare la caduta e gli artigli si aggrappano al coniglio, al pollo o ad altre prede. Quindi, respirando e sbattendo le ali, il falco induce la corrente motrice a contatto con il corpo molecolare. Con le ali che sbattono si forgia e si rialza fino a quando la corrente motrice ha il pieno contatto ed è lontano dal disturbo della terra.

Mentre l'osservatore si muove nel pensiero con l'uccello, può sentire attraverso il suo corpo le sensazioni di quell'uccello. Può sentire la posizione dell'ala e della coda che porta il corpo verso l'alto, il cambiamento della posizione orizzontale delle ali quando si sposta a sinistra o a destra, la facilità e la leggerezza di impennata o l'accelerazione che ne deriva velocità. Queste sensazioni si avvertono nelle parti del corpo corrispondenti a quelle dell'uccello. La forza motrice del volo spinge il corpo a cui contatta. Poiché l'uccello è più pesante dell'aria, non può rimanere sospeso a mezz'aria. Deve continuare a muoversi. Vi è un notevole movimento delle ali mentre l'uccello rimane vicino al suolo, perché deve superare il disturbo a livello della terra e perché la forza motrice del volo non è così facilmente contattata come ai livelli più alti. L'uccello vola in alto perché la forza motrice funziona meglio ad alta quota che a livello della terra e perché c'è meno pericolo di essere colpito.

Il gabbiano offre opportunità di studio a distanza ravvicinata. I gabbiani accompagneranno per molti giorni una nave passeggeri nel suo viaggio e il loro numero sarà notevolmente aumentato o diminuito di volta in volta durante il viaggio. Il passeggero osservante può studiare gli uccelli a distanza ravvicinata per ore alla volta. Il suo tempo è limitato solo dal suo interesse e resistenza. Un paio di occhiali binoculari ad alta potenza saranno di grande aiuto nel seguire il volo di qualsiasi uccello. Con il loro aiuto l'uccello può essere avvicinato molto. Il minimo movimento di testa, piedi o piume può essere visto in condizioni favorevoli. Quando il passeggero ha selezionato il suo uccello e lo ha avvicinato a lui con il binocolo, dovrebbe seguirlo nel pensiero e nel sentimento. Vedrà girare la testa da questo lato a quello, noterà come fa cadere i suoi piedi mentre si avvicina all'acqua, o sentirà come li abbraccia al suo corpo mentre soffia il vento e salpa rapidamente in avanti. L'uccello tiene il passo con la barca, per quanto veloce possa andare. Il suo volo può essere mantenuto per un tempo considerevole o, quando qualche oggetto lo attrae, si lancia verso il basso con grande fretta; e tutto questo senza il movimento delle sue ali, anche se soffia un forte vento frontale. Come può l'uccello, a meno che non sia spinto da una forza generalmente sconosciuta all'uomo, andare più veloce e più veloce della barca e contro il vento e senza il rapido movimento delle sue ali? Non può. L'uccello induce la forza motrice del volo e l'osservatore a volte può accorgersene, mentre segue pensosamente l'uccello e sperimenta in parte le sensazioni dei suoi movimenti nel suo corpo.

Lo studente può imparare da ciascuno degli uccelli grandi e robusti abituati al lungo volo, come il falco, l'aquila, l'aquilone o l'albatro. Ognuno ha la sua lezione da insegnare. Ma pochi uccelli sono accessibili come il gabbiano.

Quando un uomo ha appreso degli uccelli il loro segreto del volo e gli usi che fanno dell'ala e della coda e ha dimostrato a se stesso l'esistenza di una forza motrice del volo, sarà qualificato e costruirà un attaccamento per il suo corpo, a essere usato come un uccello usa le ali e la coda. All'inizio non volerà facilmente come fanno gli uccelli, ma col tempo il suo volo sarà sicuro, stabile e duraturo come quello di qualsiasi uccello. Gli uccelli volano istintivamente. L'uomo deve volare in modo intelligente. Gli uccelli sono naturalmente attrezzati per il volo. L'uomo deve prepararsi ed equipaggiarsi per il volo. Gli uccelli hanno poche difficoltà a ottenere il controllo delle loro ali e ad indurre la forza motrice del volo; sono preparati dalla natura e attraverso secoli di esperienza per il volo. L'uomo, se mai l'avesse, ha perso da tempo il potere di indurre la forza motrice del volo. Ma per l'uomo è possibile raggiungere tutte le cose. Quando è convinto dell'esistenza della forza motrice del volo e si prepara e dimostra a se stesso che può indurre o comandare il suo aiuto, non si accontenterà fino a quando non avrà strappato dall'aria i suoi segreti e potrà accelerarlo e cavalcare il suo correnti tanto facilmente quanto ora cavalca su terra e acqua.

Prima che l'uomo possa iniziare a cercare di ottenere ciò che è possibile per lui, deve prima esserne consapevole. Gli aviatori stanno già preparando la mente e abituandola a pensare al volo. Dovrebbero scoprire molte delle correnti dell'aria, il rapporto tra la diminuzione della forza di gravità con l'ascesa del corpo, la diminuzione della paura di cadere con la diminuzione della gravità, gli effetti sul corpo fisico e sul mente della salita graduale o improvvisa ad alta quota; e, è possibile che durante uno dei suoi voli uno tra loro possa indurre la forza motrice del volo. Chi lo fa può imparare e subito aumentare la velocità del suo aereo mentre la forza lo spinge. È improbabile che se è in grado di indurre la forza motrice del volo sarà in grado di volare con esso senza l'uso del suo motore, perché l'aereo non è adattato al suo corpo e perché non può controllarlo come potrebbe attaccamento ad ala al suo corpo, perché il suo corpo non sopporterebbe di per sé la resistenza della macchina mentre la forza motrice del volo lo spinge in avanti, e perché è probabile che il peso dell'aereo sia maggiore di quanto il corpo dovrebbe tentare forzare in avanti. L'uomo non deve tentare di usare un attaccamento più pesante del peso del suo corpo, una volta che è in grado di indurre e usare la forza motrice del volo.

Nel volo attraverso l'uso delle ali, l'uomo non sarà libero dal pericolo di cadere se l'attaccamento dovesse rompersi o perderà il controllo di esso, perché non ha liberato il corpo dalla forza di gravità. Colui che senza alcun attaccamento libera il corpo dalla sua gravità mediante un controllo della forza della leggerezza e si muove attraverso l'aria inducendo la forza motrice del volo, non corre alcun rischio di cadere qualunque cosa, ei suoi movimenti possono essere molto più rapidi rispetto a quelli dell'altro. Qualunque sia la modalità di volo raggiunta, porterà grandi cambiamenti nei corpi, nelle abitudini e nei costumi delle persone. I loro corpi diventeranno più leggeri e più sottili e le persone troveranno il loro principale piacere e godimento nel volo. Il piacere ora trovato nel nuoto, nella danza, nell'accelerazione o nel rapido movimento del corpo è solo un leggero assaggio del piacere squisito che si troverà nel volo.

Chi può dire quando sarà fatto? Potrebbe non essere prima dei secoli, o potrebbe essere domani. È alla portata dell'uomo. Lascia che chi volerà.