La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 13 SETTEMBRE, 1911. No. 6

Copyright, 1911, di HW PERCIVAL.

VOLO.

La scienza moderna ha ammesso per l'ultima volta di volare nella sua famiglia di rispettabili scienze, sotto il nome di pneumatica, aerostatica, aeronautica o aeronautica. La meccanica del volo può essere studiata e praticata da qualsiasi uomo qualificato senza perdita della sua posizione scientifica.

Per secoli ci sono stati uomini capaci e degni, insieme a pretendenti e fantasiosi avventurieri tra i richiedenti di una conoscenza della scienza del volo. Fino ad oggi la scienza ortodossa ha combattuto e tenuto il campo contro tutti i richiedenti. È stata una lotta lunga e difficile. L'uomo di merito è stato sottoposto alla stessa condanna o ridicolo di un ciarlatano e di un fanatico. L'aviatore che ora vola tranquillamente in aria o sale e scende, gira o freccette o scivola in figure aggraziate prima di ammirare gli spettatori, è in grado di farlo a causa di una lunga fila di uomini, che vanno dai secoli passati al presente, che hanno fatto il suo successo è possibile per lui. Subirono molti ridicoli e censure liberamente dati; guadagna una sostanziale ricompensa e riceve gli elogi dell'ammirazione della folla.

La scienza del volo non fu accolta né facilmente ammessa nella cerchia delle scienze riconosciute e dai loro elettori ottenne il titolo di rispettabilità scientifica. Gli uomini delle scienze approvate hanno ammesso la scienza di volare al loro numero perché hanno dovuto. Il volo era dimostrato e dimostrato ai sensi come fatti e non poteva più essere negato. Quindi è stato accettato.

Ogni teoria dovrebbe essere sottoposta a test e dimostrata prima di essere accettata come vera. Ciò che è vero e per il meglio persisterà e supererà ogni opposizione nel tempo. Ma l'opposizione che viene mostrata a molte cose al di fuori di quelli che al tempo sono i limiti della scienza ristretta, ha impedito alle menti addestrate al pensiero scientifico di accettare suggerimenti e portare alla perfezione certi pensieri che sarebbero stati di grande utilità per l'uomo.

L'atteggiamento della scienza autorizzata - aggrottare le sopracciglia su argomenti esterni e non accettati - è un controllo per l'aumento e il potere di frodi e fanatici, che crescono come erbacce nel focolaio della civiltà. Se non fosse per questo atteggiamento scientifico, le frodi, i fanatici e i parassiti sacerdotali, come le erbacce nocive, crescerebbero e oscurerebbero, ammasserebbero o strangolerebbero le menti umane, trasformerebbero il giardino della civiltà in una giungla di dubbi e paure e costringerebbero la mente per tornare alle incertezze superstiziose da cui l'umanità era guidata dalla scienza.

Considerando l'ignoranza che, in varia misura, prevale tra tutte le menti, potrebbe essere, forse, meglio che l'autorità scientifica si accigli di non scientificamente e neghi argomenti o cose al di fuori dei suoi limiti ristretti. D'altra parte, questo atteggiamento non scientifico ostacola la crescita della scienza moderna, rimanda scoperte preziose che stanno per essere fatte in nuovi campi, grava la mente con pregiudizi non scientifici e quindi trattiene la mente dal trovare la sua strada attraverso il pensiero verso la libertà.

Non molto tempo fa le riviste che facevano eco alle opinioni della scienza ridicolizzavano o condannavano coloro che avrebbero costruito macchine volanti. Hanno accusato gli aspiranti volantini di essere sognatori oziosi o inutili. Hanno sostenuto che gli aspiranti volantini non erano mai stati pari a nulla e che l'energia, il tempo e il denaro sprecati in tentativi così inutili dovevano essere trasformati in altri canali per ottenere risultati pratici. Hanno ripetuto le argomentazioni delle autorità per dimostrare l'impossibilità del volo meccanico da parte dell'uomo.

Il volo o il volo è ora una scienza. Viene impiegato dai governi. È l'ultimo lusso offerto da sportivi audaci. È un argomento di interesse commerciale e pubblico. I risultati del suo sviluppo sono attentamente annotati e il suo futuro è molto atteso.

Oggi tutte le riviste hanno qualcosa da dire in lode degli "uomini-uccelli", degli "uccelli-uomini", degli "aviatori" e delle loro macchine. In effetti, le notizie su pneumatica, aerostatica, aeronautica, aviazione, volo sono la più grande e ultima attrazione che le riviste hanno offerto a un mondo attento.

Questi modellatori dell'opinione pubblica sono costretti dai fatti e dall'opinione pubblica a cambiare opinione. Vogliono dare al pubblico ciò che la mente pubblica desidera. È bene dimenticare i dettagli e i cambiamenti delle opinioni nel corso del tempo. Tuttavia, ciò a cui l'uomo dovrebbe cercare di diventare vivo e ciò che dovrebbe ricordare è che i pregiudizi e l'ignoranza non possono controllare per sempre la crescita e lo sviluppo della mente né fermare il suo potere di espressione. L'uomo può sentirsi forte nel pensiero che i suoi poteri e le sue possibilità saranno espressi al meglio se lavora diligentemente nel pensiero e nell'azione per ciò che concepisce possibile e meglio. L'opposizione offerta dai pregiudizi e dall'opinione pubblica può, per un certo periodo, ostacolare i suoi progressi. Pregiudizi e semplici opinioni saranno superati e spazzati via man mano che le possibilità diventano evidenti. Nel frattempo, tutta l'opposizione offre l'opportunità di sviluppare forza ed è necessaria per la crescita.

Nei momenti di fantasticheria, di pensiero profondo, di estasi, l'uomo, la mente, sa di poter volare. Al momento dell'esaltazione, all'ascolto di buone notizie, quando il respiro scorre ritmicamente e il polso è alto, si sente come se potesse sollevarsi verso l'alto e librarsi negli spazi del blu sconosciuto che fa cenno. Quindi guarda il suo corpo pesante e rimane sulla terra.

Il verme striscia, il maiale cammina, il pesce nuota e l'uccello vola. Ogni poco dopo è nato. Ma molto dopo la nascita l'uomo-animale non può volare, né nuotare, né camminare né gattonare. Il massimo che può fare è dimenarsi, calciare e ululare. Molti mesi dopo la nascita impara a gattonare; poi con molto sforzo si insinua su mani e ginocchia. Più tardi e dopo molti dossi e cadute è in grado di stare in piedi. Alla fine, con l'esempio dei genitori e con molta guida, cammina. Potrebbero passare anni prima che impari a nuotare e alcuni non imparano mai.

Ora che l'uomo ha raggiunto il miracolo del volo meccanico, sembrerebbe che quando padroneggerà il volo aereo con mezzi meccanici, avrà raggiunto il limite delle sue possibilità nell'arte del volo. Non è così. Deve e farà di più. Senza alcun meccanismo meccanico, senza aiuto e solo, nel suo corpo fisico libero, l'uomo volerà in aria a piacimento. Sarà in grado di alzarsi al massimo delle sue capacità respiratorie e di guidare e regolare il suo volo con la stessa facilità di un uccello. Quanto presto sarà fatto dipenderà dal pensiero e dallo sforzo dell'uomo. Può darsi che sarà fatto da molti di quelli che vivono attualmente. Nelle epoche future tutti gli uomini saranno in grado di acquisire l'arte del volo.

A differenza degli animali, l'uomo apprende l'uso del proprio corpo e dei propri sensi insegnando. L'umanità deve avere lezioni di oggetti o un esempio, prima di accettare e provare ciò che è possibile per loro. Per nuotare e volare, gli uomini hanno avuto i pesci e gli uccelli come lezioni oggettive. Invece di cercare di scoprire la forza o l'energia utilizzata dagli uccelli nel loro volo e di apprendere l'arte di impiegarlo, gli uomini hanno sempre cercato di inventare un meccanismo meccanico e di usarlo per il volo. Gli uomini hanno trovato i mezzi meccanici del volo, perché hanno pensato e lavorato per esso.

Quando l'uomo guardava gli uccelli nei loro voli, pensava a loro e voleva volare, ma gli mancava la fiducia. Ora ha fiducia perché vola. Sebbene abbia modellato il meccanismo dell'uccello, non vola come l'uccello, né usa la forza che un uccello usa nel suo volo.

Sensibili al peso dei loro corpi e non conoscendo la natura del pensiero né la sua relazione con i loro sensi, gli uomini rimarranno stupiti al pensiero del loro volo attraverso l'aria solo nei loro corpi fisici. Allora ne dubiteranno. È probabile che aggiungano ridicolo al dubbio e dimostrano per argomento ed esperienza che il volo umano senza aiuto è impossibile. Ma un giorno un uomo più audace e più qualificato degli altri volerà, senza altri mezzi fisici che il suo corpo. Allora altri uomini vedranno e crederanno; e, vedendo e credendo, i loro sensi saranno adattati al loro pensiero e anche loro voleranno. Allora gli uomini non possono più dubitare e il volo umano corporeo senza aiuto sarà un fatto accettato, tanto comune quanto i fenomeni delle meravigliose forze chiamate gravità e luce. È bene dubitare, ma non dubitare troppo.

La forza motrice del volo di tutti gli uccelli non è dovuta al battito o al battito delle loro ali. La forza motrice del volo degli uccelli è una forza specifica che viene indotta da loro, che quindi consente loro di compiere i loro voli a lungo sostenuti e grazie ai quali possono muoversi nell'aria senza sbattere o sbattere le ali. Gli uccelli usano le ali per bilanciare i loro corpi e la coda come timone per guidare il volo. Le ali sono anche usate per iniziare il volo o per indurre la forza motrice.

La forza che un uccello usa per volare è presente con l'uomo come lo è con un uccello. Tuttavia, l'uomo non lo sa, o se è consapevole della forza, non conosce gli usi a cui può essere destinato.

Un uccello inizia il suo volo respirando, allungando le gambe e allargando le ali. Con i movimenti del respiro, delle zampe e delle ali, l'uccello eccita il suo organismo nervoso, in modo da portarlo in una certa condizione. Quando in tale condizione induce la forza motrice del volo ad agire attraverso la sua organizzazione nervosa, allo stesso modo in cui una corrente elettrica viene indotta lungo un sistema di fili mediante la rotazione di una chiave sul quadro del sistema. Quando la forza motrice del volo è indotta, spinge il corpo dell'uccello. La direzione del volo è guidata dalla posizione delle ali e della coda. La sua velocità è regolata dalla tensione nervosa e dal volume e dal movimento del respiro.

Il fatto che gli uccelli non volino solo usando le ali è evidenziato dalla differenza nella superficie delle ali rispetto al peso dei loro corpi. Un fatto degno di nota è che vi è una riduzione proporzionale della superficie dell'ala o dell'ala dell'uccello rispetto all'aumento del suo peso. Gli uccelli con ali relativamente grandi e corpi leggeri non possono volare tanto velocemente o quanto gli uccelli le cui ali sono piccole rispetto al loro peso. Più potente e pesante è l'uccello, meno dipende dalla sua superficie alare per il suo volo.

Alcuni uccelli sono leggeri rispetto alla grande diffusione delle loro ali. Questo non è perché hanno bisogno della superficie dell'ala per il volo. È perché la grande superficie dell'ala permette loro di sollevarsi improvvisamente e di spezzare la forza della loro caduta improvvisa. Gli uccelli di volo lungo e rapido e le cui abitudini non richiedono loro di alzarsi e cadere improvvisamente non hanno bisogno e di solito non hanno una grande superficie alare.

Un'altra prova che la forza motrice del volo degli uccelli non è dovuta alla superficie e al meccanismo delle loro ali, è che ogni volta che l'occasione lo richiede, l'uccello aumenta notevolmente la sua velocità con solo un leggero aumento del movimento delle sue ali o senza alcun aumento del movimento delle ali qualunque. Se dipendesse dal movimento dell'ala per il volo, un aumento della velocità dipenderebbe da un aumento del movimento dell'ala. Il fatto che la sua velocità possa essere notevolmente aumentata senza un aumento proporzionale del movimento delle ali è una prova che ciò che la muove è causata da un'altra forza rispetto ai movimenti muscolari delle sue ali. Quest'altra causa del suo volo è la forza motrice del volo.

Essere concluso.