La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 23 MAGGIO, 1916. No. 2

Copyright, 1916, di HW PERCIVAL.

FANTASMI CHE NON SONO MAI STATI UOMINI

Maledizioni e benedizioni

La maledizione è l'atto di stabilire una connessione attraverso la quale i fantasmi della natura possono far sì che determinati mali seguano e scendano sulla persona maledetta. Una maledizione spesso porta alla creazione di un essere che invoca e precipita sui maledetti mali di sua propria creazione o mali con i quali può essere afflitto da colui che lo maledice. Se viene pronunciata una maledizione, essa sarà inefficace contro quella contro la quale viene scagliata, ma indietreggerà su colui che maledice, a meno che colui che è maledetto abbia dato al maledetto il diritto di influenzarlo. Questo diritto e anche il potere sono conferiti da un atto dannoso a chi maledice o a una terza persona. Il cursore può essere solo uno strumento attraverso il quale i demeriti vengono attirati su di lui che ha fatto un torto. La maledizione di un padre e soprattutto di una madre è minacciosa e potente, se lanciata contro un bambino malvagio. La maledizione è così diretta e potente a causa del sangue e dei legami astrali di genitore e figlio. Allo stesso modo, la maledizione di un bambino contro un genitore che l'ha maltrattata e oppressa può essere seguita da risultati terribili. La maledizione di una ragazza scartata contro un amante che si è rotto il mento può davvero attirare la sua rovina su di lui.

Il potere di una maledizione risiede nella sua concentrazione in un breve spazio di molti mali che, nel normale corso degli affari, sarebbero distribuiti e incontrati durante un periodo di tempo molto più grande, vale a dire, uno che si estende su una vita o diverse vite e quali mali sarebbero così privati ​​del loro potere schiacciante. Quando la maledizione è propriamente pronunciata da una persona che ha naturalmente o a cui il malfattore ha dato il potere di riunire questi mali e fissarli a lui e portarli giù su di lui, quindi essere maledetto, è un destino terribile.

Quasi ogni uomo, nel corso della sua vita, fornisce abbastanza materiale per costituire il corpo di una maledizione. Questa non è una figura retorica. Quando parliamo del corpo di una maledizione, parliamo di una realtà, poiché una maledizione è un essere elementale. Il suo corpo è costituito da alcuni mali, e questi sono, mediante la creazione di un elementale, messi in una forma e organizzati dalle parole della maledizione, se sono pronunciati da una delle due classi di persone sopra menzionate, cioè , quelli che hanno il potere naturalmente e quelli a cui il malfattore lo ha conferito facendo loro un torto o una terza persona.

L'elementale che si crea nella forma di una maledizione dura fino a quando la maledizione non si compie e la sua vita si esaurisce in questo modo. Chi maledice può ricevere un'ispirazione improvvisa per creare la maledizione, e quindi le parole della maledizione sembrano fluire naturalmente e spesso ritmicamente attraverso la sua bocca. Le persone non possono imprecare a piacimento. Le persone dispettose, cattive e odiose non possono maledire a piacimento. Possono usare parole che suonano come una maledizione, ma tali parole non hanno il potere di creare l'elementale. La creazione dell'elementale, che è una vera maledizione, è possibile se le condizioni concordano che sono state menzionate.

Sebbene quasi tutte le persone da un lato abbiano fatto abbastanza per fornire il corpo di una maledizione, tuttavia sarà impossibile creare l'elementale se il malfattore ha al suo attivo certi buoni pensieri e azioni, che sono abbastanza forti da impedire la creazione di l'elementale.

Blessings

Come materiale per il corpo e per la creazione di un elementale che diventa la sua maledizione, è fornito dai pensieri e dalle azioni della persona maledetta, così una persona può fornire abbastanza pensieri benevoli e azioni gentili, per consentire a chi ha il dono naturale di benedizione, o chi con un atto straordinario di colui che deve essere benedetto, è reso lo strumento per il tempo, per richiamare e dargli una benedizione.

Una benedizione è un elementale, il cui corpo è costituito da pensieri e azioni passati della persona benedetta. L'elementale può essere creato quando si presenta un'occasione adatta, come la partenza o la morte di un genitore, o l'inizio di un viaggio o l'inizio di una carriera. Le persone che sono loro stesse sofferenti, infelici o sfortunate, e in particolare tra loro le persone anziane, possono invocare una benedizione efficace per chi ha cercato altruisticamente di fare del bene.

Oltre alle due classi di persone menzionate, quelle che hanno i doni naturali della benedizione o della maledizione, e quelle il cui destino è lo strumento adatto per scagliare una maledizione o concedergli una benedizione, esiste una classe di persone che hanno una conoscenza di leggi generalmente sconosciute e che possono in tal modo, attraverso la pronuncia di una maledizione, attaccare uno o più dei fantasmi della natura malvagia a una persona, e quindi rovinare la vita di quella maledetta, o che può attaccare un buon elementale a una persona e quindi dagli un angelo custode, che protegge in tempo di pericolo o lo aiuta nelle imprese. Ma in tutti i casi, ciò che viene fatto deve essere fatto secondo la legge del karma e non può mai essere fatto contro di esso.

(Continua)