La fondazione di parole

Il karma spirituale è determinato dall'uso della conoscenza e del potere dell'uomo fisico, psichico, mentale e spirituale.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 8 MARZO, 1909. No. 6

Copyright, 1909, di HW PERCIVAL.

KARMA.

VII.
Karma spirituale.

Continua.

Negli articoli precedenti, il karma è stato presentato nei suoi aspetti fisici, psichici e mentali. Il presente articolo tratta del karma spirituale e del modo in cui altri tipi sono inclusi con il karma spirituale.

Il karma spirituale è attivo e operativo nella metà inferiore del cerchio, dal segno del cancro al segno capricorno (♋︎ – ♑︎), l'individualità del respiro.

Il karma spirituale è azione della conoscenza, o desiderio e mente in azione con la conoscenza. Tale azione o reagisce all'attore o lo lascia libero dagli effetti dell'azione. Coloro che agiscono con conoscenza, ma che sono interessati o influenzati dalla loro azione e dai suoi risultati, sono soggetti alla legge della loro azione e dei suoi risultati. Ma coloro che agiscono con conoscenza e perché sono giusti, senza altro interesse per l'azione o i suoi risultati, sono liberi e non interessati dalla legge.

Tutte le persone in possesso delle normali facoltà della mente creano e sono soggette al karma spirituale. Sebbene alcune persone possano occasionalmente agire senza interesse per i risultati dell'azione, colui che è al di là della necessità della reincarnazione perché si è adempiuto ed è al di sopra della legge, solo lui può agire in ogni momento senza essere interessato o influenzato dall'azione e i suoi risultati. Sebbene i risultati seguiranno gli atti compiuti da chi è al di sopra della legge, non sarà influenzato dagli atti. Per il nostro scopo pratico, si può dire che il karma spirituale si applica generalmente a tutti gli esseri per i quali è ancora necessaria l'incarnazione e la reincarnazione.

Non tutti coloro che hanno conoscenza agiscono sempre secondo la loro conoscenza. Conoscere si distingue dal fare. Tutti i risultati con le loro conseguenze sono causati dal fare o dal non fare ciò che si sa essere giusto. Chi sa cosa è giusto, ma non agisce di conseguenza, crea karma che causerà sofferenza. Chi sa cosa è giusto e lo fa, crea godimento spirituale, chiamato beatitudine.

Chi ha conoscenza vede che l'effetto è in la causa e il risultato indicati nell'azione, anche se la quercia è contenuta nella ghianda, in quanto vi è un potenziale uccello nell'uovo e come una risposta è indicata e suggerita da una domanda.

Chi agisce per ciò che sa essere giusto, vedrà e saprà più chiaramente come agire e fornirà i mezzi con cui tutte le azioni e tutti i risultati delle azioni gli saranno chiari. Chi agisce contro ciò che sa essere giusto, diventerà confuso, e ancora più confuso, nella misura in cui rifiuta di agire ciò che sa, fino a diventare spiritualmente cieco; vale a dire, non sarà in grado di distinguere tra vero e falso, giusto e sbagliato. La causa di ciò risiede immediatamente nel motivo che spinge all'azione e in remoto nella conoscenza di tutte le esperienze passate. Non si può giudicare subito quanto alla sua somma di conoscenza, ma si può evocare davanti alla propria coscienza, se lo si desidera, il motivo che spinge a uno qualsiasi dei suoi atti.

Nella corte della coscienza, il motivo di ogni atto è giudicato giusto o sbagliato dalla coscienza, che è un raduno della propria conoscenza a fuoco. Mentre la coscienza pronuncia il motivo per essere giusto o sbagliato, si dovrebbe attenersi ed essere guidati dalla sentenza e agire di conseguenza per il diritto. Interrogando le sue motivazioni alla luce della coscienza e agendo secondo i dettami della coscienza, l'uomo impara la paura e la giusta azione.

Tutti gli esseri che vengono al mondo, hanno ciascuno le loro azioni, i pensieri e le motivazioni nei loro resoconti. La più vasta portata è quel pensiero e quell'atto che proviene dalla conoscenza. Questi account non possono essere eliminati se non elaborandoli, pagandoli. L'errore deve essere corretto e il diritto deve continuare per il bene piuttosto che per la felicità e la ricompensa che derivano dal fare il bene.

È un'idea errata affermare che non si dovrebbe creare karma per evitarlo o liberarsene. Chi si sforza di sfuggire o di elevarsi al di sopra del karma con l'intenzione di non farcela, all'inizio sconfigge il suo scopo, perché il suo desiderio di allontanarsi dal karma per non agire lo lega all'azione da cui sfuggirà; il rifiuto di agire prolunga la sua schiavitù. Il lavoro produce karma, ma il lavoro lo libera anche dalla necessità di lavorare. Pertanto, non si dovrebbe aver paura di creare karma, ma piuttosto si dovrebbe agire senza paura e secondo le sue conoscenze, quindi non passerà molto tempo prima che abbia pagato tutti i debiti e si faccia strada verso la libertà.

Molto è stato detto sulla predestinazione e sul libero arbitrio, al contrario del karma. Eventuali disaccordi e dichiarazioni contrastanti sono dovuti a una confusione di pensiero, piuttosto che alla contraddizione dei termini stessi. La confusione del pensiero deriva dal non comprendere appieno i termini, ognuno dei quali ha il suo posto e significato. La predestinazione applicata all'uomo è la decisione, la nomina, l'ordinamento o l'organizzazione, lo stato, l'ambiente, la condizione e le circostanze in cui e per cui deve nascere e vivere. In questo è inclusa anche l'idea del destino o del destino. L'idea che ciò sia determinato da una forza cieca, da un potere o da un Dio arbitrario, si ribella a tutto il senso morale del diritto; contraddice, si oppone e viola le leggi della giustizia e dell'amore, che dovrebbero essere gli attributi del sovrano divino. Ma se la predestinazione è intesa come determinazione del proprio stato, ambiente, condizione e circostanze, mediante le proprie azioni precedenti e predeterminate come cause (karma), allora il termine può essere usato correttamente. In questo caso, il sovrano divino è il proprio Io o Sé Superiore, che agisce in modo giusto e secondo i bisogni e le necessità della vita.

Numerosi e lunghi argomenti sono stati condotti a favore e contro la dottrina del libero arbitrio. Nella maggior parte di essi è stato dato per scontato che la gente sappia cosa significa libero arbitrio. Ma gli argomenti non si basano su definizioni, né sembra che i fondamenti siano compresi.

Per capire quale sia il libero arbitrio applicato all'uomo, si dovrebbe sapere qual è la volontà, quale libertà è e anche cosa o chi è l'uomo.

La parola volontà è un termine misterioso, poco compreso, ma comunemente usato. Di per sé, la volontà è un principio incolore, universale, impersonale, distaccato, spassionato, semovente, silenzioso, sempre presente e intelligente, che è la fonte e l'origine di ogni potere e che si presta e dà potere a tutti esseri secondo e in proporzione alla loro capacità e capacità di usarlo. La volontà è libera.

L'uomo, la mente, è la luce cosciente, che è il pensatore Io-Io-Io nel corpo. La libertà è lo stato che è incondizionato, sfrenato. Libero significa azione senza moderazione.

Ora per quanto riguarda il libero arbitrio dell'uomo. Abbiamo visto che cos'è la volontà, che cos'è la libertà e che la volontà è libera. La domanda rimane: l'uomo è libero? Ha libertà di azione? Può usare la volontà liberamente? Se le nostre definizioni sono vere, allora la volontà è libera, nello stato di libertà; ma l'uomo non è libero e non può trovarsi nello stato di libertà, perché, mentre pensa, i suoi pensieri sono offuscati dal dubbio e la sua mente è accecata dall'ignoranza, ed è legata ai desideri del corpo dal legame dei sensi. È attaccato ai suoi amici dai legami dell'affetto, spinto all'azione dalla sua brama e lussuria, trattenuto dall'azione libera dai pregiudizi delle sue convinzioni e respinto dai suoi antipatie, dagli odi, dalle rabbia, dalle gelosie e dall'egoismo in generale.

Poiché l'uomo non è libero nel senso in cui la volontà è libera, non ne consegue che l'uomo non è in grado di usare il potere che viene dalla volontà. La differenza è questa La volontà in sé e agire da se stessa è illimitata e libera. Agisce con intelligenza e la sua libertà è assoluta. La volontà come si presta all'uomo è senza limiti, ma l'uso a cui l'uomo la applica è limitato e condizionato dalla sua ignoranza o conoscenza. Si può dire che l'uomo ha il libero arbitrio nel senso che la volontà è libera e che chiunque ne ha libero uso in base alla sua capacità e capacità di usarla. Ma l'uomo, a causa dei suoi limiti e restrizioni personali, non si può dire che abbia la libertà di volontà nel suo senso assoluto. L'uomo è limitato nel suo uso della volontà dalla sua sfera d'azione. Quando viene liberato dalle sue condizioni, limitazioni e restrizioni, diventa libero. Quando è libero da tutte le limitazioni, e solo allora, può usare la volontà nel suo senso pieno e libero. Diventa libero mentre agisce con la volontà anziché usarla.

Ciò che viene chiamato libero arbitrio è semplicemente il diritto e il potere di scelta. La decisione su una linea d'azione è il diritto e il potere dell'uomo. Quando la scelta è stata fatta, la volontà si presta all'ottenimento della scelta che è stata fatta, ma la volontà non è la scelta. La scelta o la decisione di un determinato corso d'azione determina il proprio karma. La scelta o decisione è la causa; seguono l'azione e i suoi risultati. Il karma spirituale buono o cattivo è determinato dalla scelta o dalla decisione presa e dall'azione che segue. Si chiama bene se la scelta è in accordo con il miglior giudizio e conoscenza. Si chiama male se la scelta viene fatta contro il giudizio e la conoscenza migliori di uno.

Quando uno sceglie o decide mentalmente di fare una cosa, ma o cambia idea o non esegue ciò che ha deciso, tale decisione da sola avrà l'effetto di produrre in lui la tendenza a pensare ancora e ancora a ciò che aveva deciso. Il pensiero da solo senza l'azione rimarrà come una tendenza ad agire. Se, tuttavia, viene fatto ciò che aveva deciso di fare, allora gli effetti mentali e fisici della scelta e dell'azione seguiranno sicuramente.

Ad esempio: un uomo ha bisogno di una somma di denaro. Pensa a diversi modi per ottenerlo. Non vede alcun modo legittimo. Prende in considerazione metodi fraudolenti e alla fine decide di creare una nota per la somma necessaria. Dopo aver pianificato come deve essere fatto, esegue la sua decisione forgiando il corpo e la firma e quindi tenta di negoziare la nota e raccogliere l'importo. I risultati della sua decisione o scelta e azione seguiranno sicuramente, se immediatamente o in un momento lontano saranno decisi da altri suoi precedenti pensieri e azioni, ma il risultato è inevitabile. È punito dalla legge prevista per tali reati. Se avesse deciso di forgiare, ma non avesse messo in atto la sua decisione, avrebbe impostato le cause come tendenze mentali a considerare la frode, come mezzo per ottenere il suo scopo, ma non si sarebbe quindi posto sotto la legge di l'atto compiuto. La decisione lo ha reso responsabile sul piano della sua azione. In un caso sarebbe un criminale mentale a causa delle sue intenzioni, e nell'altro un vero criminale a causa del suo atto fisico. Pertanto le classi di criminali sono di tipo mentale ed effettivo, quelle che intendono e quelle che mettono in atto le loro intenzioni.

Se l'uomo bisognoso di denaro avesse rifiutato di prendere in considerazione, o dopo aver considerato rifiutato di agire fraudolentemente, ma invece ha sopportato la sofferenza o le difficoltà imposte nel suo caso e ha invece soddisfatto le condizioni al meglio delle sue capacità, e ha agito per il principio o il diritto secondo il suo miglior giudizio, allora potrebbe soffrire fisicamente, ma la sua scelta e decisione di agire o rifiutare di agire, si tradurrebbe in forza morale e mentale, che gli consentirebbe di superare il disagio fisico, e il principio della giusta azione sarebbe alla fine lo guida nel modo di provvedere ai bisogni minori e fisici. Chi agisce così secondo il principio del giusto e senza paura dei risultati, suscita la sua aspirazione alle cose spirituali.

Il karma spirituale è causato e deriva dalla scelta e dall'azione con o contro la conoscenza delle cose spirituali da parte dell'uomo.

La conoscenza spirituale è di solito rappresentata nell'uomo dalla sua fede nella sua particolare religione. La sua fede e comprensione della sua religione o della sua vita religiosa indicheranno la sua conoscenza spirituale. Secondo gli usi egoistici o l'altruismo della sua fede religiosa, e la sua azione secondo la sua fede, sia essa ristretta e bigotta o una comprensione ampia e di vasta portata delle cose spirituali, sarà il suo karma spirituale buono o cattivo.

La conoscenza spirituale e il karma sono tanto vari quanto le credenze e le convinzioni religiose dell'uomo e dipendono dallo sviluppo della sua mente. Quando uno vive interamente in accordo con le sue convinzioni religiose, i risultati di tale pensiero e vita appariranno sicuramente nella sua vita fisica. Ma questi uomini sono eccezionalmente rari. Un uomo potrebbe non avere molti possedimenti fisici, ma se è all'altezza delle sue convinzioni religiose, sarà più felice di uno che è ricco di beni fisici, ma i cui pensieri e azioni non sono in accordo con la sua fede professa. Un uomo così ricco non acconsentirà a questo, ma l'uomo religioso saprà che è vero.

Coloro che pensano e agiscono per Dio sotto qualsiasi nome conosciuto, lo fanno sempre per un motivo egoistico o altruistico. Ognuno di quelli che pensa e agisce ottiene ciò per cui pensa e agisce, e lo ottiene secondo il motivo che ha spinto il pensiero e l'atto. Coloro che fanno del bene nel mondo indotti dal motivo di essere considerati pii, caritatevoli o santi, guadagneranno la reputazione che meritano i loro atti, ma non avranno la conoscenza della vita religiosa, né sanno che cos'è la vera carità, né il la pace che è il risultato di una vita giusta.

Coloro che non vedono l'ora di vivere in paradiso e vivono secondo i dettami della loro religione, godranno di un paradiso lungo o breve dopo la morte, in proporzione al loro pensiero (e alle loro azioni) nella vita. Tale è il karma spirituale applicato alla vita sociale e religiosa dell'umanità.

Esiste un altro tipo di karma spirituale che si applica a ogni tipo di uomo; colpisce nei vitali e nelle radici della sua vita. Questo karma spirituale è alla base di tutte le azioni e condizioni della vita e l'uomo diventerà grande o piccolo mentre compie il dovere del suo karma veramente spirituale. Questo karma, applicato all'uomo, risale all'apparizione dell'uomo stesso.

Esiste un eterno principio spirituale che è operativo attraverso ogni fase della natura, attraverso gli elementi non formati, attraverso i regni minerale e animale, dentro l'uomo e oltre lui nei regni spirituali sopra di lui. Per la sua presenza la terra si cristallizza e diventa dura e scintillante come un diamante. La terra morbida e profumata dà alla luce e produce piante variegate e vivificanti. Fa sì che la linfa degli alberi si sposti e gli alberi fioriscano e producano frutti nella loro stagione. Causa l'accoppiamento e la riproduzione degli animali e dà potere a ciascuno in base alla sua forma fisica.

In tutte le cose e le creature sotto lo stato dell'uomo, è la mente cosmica, Mahat (Ma); in azione (r); con desiderio kosmic, kama (Ka); così tutta la natura nei suoi vari regni è governata dal karma secondo la legge universale di necessità e idoneità.

Nell'uomo questo principio spirituale è meno compreso di uno qualsiasi dei principi che lo rendono uomo.

Due idee sono presenti nella mente individuale dell'uomo a partire dalla sua prima emanazione dalla Divinità, o Dio, o la Mente Universale. Uno di questi è l'idea del sesso, l'altro l'idea del potere. Sono i due opposti della dualità, l'unico attributo inerente alla sostanza omogenea. Nelle prime fasi della mente, queste esistono solo nell'idea. Diventano attivi in ​​grado man mano che la mente sviluppa veli e coperture grossolane per sé. Solo dopo che la mente aveva sviluppato un corpo animale umano, le idee di sesso e potere si sono manifestate, attive e hanno dominato completamente la parte individuale della mente incarnata.

È abbastanza in armonia con la divinità e la natura che queste due idee dovrebbero essere espresse. Sarebbe contrario alla natura e alla divinità reprimere o reprimere l'espressione di queste due idee. Fermare l'espressione e lo sviluppo del sesso e del potere, se possibile, annichilirebbe e ridurrebbe tutto l'universo manifestato in uno stato di negazione.

Sesso e potere sono le due idee con cui la mente entra in stretta relazione con tutti i mondi; cresce attraverso di loro e raggiunge attraverso di essi la piena e completa statura dell'uomo immortale. Queste due idee sono tradotte e interpretate in modo diverso su ciascuno dei piani e dei mondi in cui sono riflesse o espresse. In questo nostro mondo fisico, (♎︎), l'idea del sesso è rappresentata dai simboli concreti di maschio e femmina, e l'idea del potere ha per il suo simbolo concreto, il denaro. Nel mondo psichico (♍︎ – ♏︎) queste due idee sono rappresentate dalla bellezza e dalla forza; nel mondo mentale (♌︎ – ♐︎) per amore e carattere; nel mondo spirituale (♋︎ – ♑︎) per luce e conoscenza.

Nella prima fase della mente individuale che emana dalla Divinità, non è consapevole di se stesso come se stesso e di tutte le sue potenziali facoltà, poteri e possibilità. È l'essere e possiede tutto ciò che c'è nell'essere, ma non conosce se stesso come se stesso o tutto ciò che è incluso in esso. Possiede tutte le cose, ma non conosce i suoi beni. Si muove nella luce e non conosce l'oscurità. Affinché potesse dimostrare, sperimentare e conoscere tutte le cose che sono potenziali in se stesso, potrebbe conoscere se stesso come distinto da tutte le cose e quindi vedere se stesso in tutte le cose, era necessario che la mente si esprimesse attraverso la messa in scena e la costruzione di corpi e imparare a conoscere e identificarsi nei mondi e nei suoi corpi come distinti da essi.

Quindi la mente, dal suo stato spirituale e mossa dalle idee intrinseche di ciò che ora è potere e sesso, si è gradualmente coinvolta attraverso i mondi in corpi sessuali; e ora la mente si trova governata e dominata dal desiderio di sesso da un lato e dal desiderio di potere dall'altro.

Ciò che si pensa sia l'attrazione tra i sessi, è l'amore. Il vero amore è il principio di base che è la fonte segreta di manifestazione e sacrificio. Tale amore è divino, ma tale vero amore non può essere conosciuto da chi è governato dalla legge del sesso sebbene debba o debba imparare quell'amore mentre è dentro e prima di abbandonare il suo corpo fisico del sesso.

Il segreto e la causa dell'attrazione del sesso per il sesso è che la mente desidera e desidera ardentemente il suo stato originale di pienezza e integrità. La mente è in sé tutto ciò che si esprime nell'uomo e nella donna, ma poiché uno dei due sessi permetterà di mostrare solo un lato della sua natura, quel lato che si esprime desidera conoscere l'altro lato di se stesso, che non si esprime . La mente che si esprime attraverso un corpo maschile o femminile cerca quell'altra natura di sé che non è espressa attraverso un corpo femminile o maschile, ma che è repressa e nascosta alla sua vista dal suo particolare corpo sessuale.

L'uomo e la donna sono ciascuno uno specchio dell'altro. Ogni guardarsi allo specchio vede riflesso in esso la sua altra natura. Mentre continua a guardare, sorge una nuova luce e l'amore dell'altro sé o personaggio emerge dentro di sé. La bellezza o la forza della sua altra natura la prende e la avvolge e pensa di realizzare tutto ciò unendosi all'altra natura riflessa del suo sesso. Tale realizzazione di sé nel sesso è impossibile. Pertanto, la mente è confusa nel trovare ciò che riteneva reale solo illusione.

Supponiamo che un essere vissuto fin dall'infanzia vivesse separato dall'umanità e che con tutte le emozioni umane latenti dovrebbe stare di fronte a uno specchio in cui si rifletteva la propria figura e con quale riflesso si "innamorava". Mentre guardava il riflesso di se stesso, le emozioni latenti sarebbero diventate attive e senza avere alcun motivo per prevenirlo, è probabile che quell'essere si sforzasse immediatamente di abbracciare l'oggetto che aveva suscitato gli strani sentimenti che ora prova.

Possiamo immaginare la totale solitudine e abbattimento di quell'essere, scoprendo che con lo sforzo troppo serio di abbracciare ciò che aveva suscitato il suo affetto e le sue speranze e vaghi ideali, era scomparso e aveva lasciato al suo posto solo frammenti di vetro . Ti sembra fantasia? Tuttavia non è lontano da ciò che è vissuto dalla maggior parte delle persone nella vita.

Quando uno trova un altro essere umano che riflette il desiderio interiore e non detto, nella sua vita scaturisce la più tenera delle emozioni mentre guarda il riflesso. Quindi la mente senza astuzia, agendo attraverso la giovinezza, osserva il suo amato riflesso nell'altro sesso e costruisce grandi ideali di felicità.

Tutto va bene e l'amante vive nel suo paradiso di speranze e ideali mentre continua a guardare con ammirazione rapita nel suo specchio. Ma il suo paradiso svanisce mentre abbraccia lo specchio, e trova al suo posto i pezzetti di vetro rotto, che mostreranno solo parti dell'immagine che è fuggita. In memoria dell'ideale, unisce i frammenti di vetro e si sforza di sostituire il suo ideale con i pezzi. Con i riflessi mutevoli e mutevoli dei pezzi, vive attraverso la vita e può persino dimenticare l'ideale com'era allo specchio prima che fosse rotto da un contatto troppo stretto.

La verità in questa immagine sarà vista da coloro che hanno memoria, che sono in grado di guardare una cosa fino a quando non vedono attraverso di essa, e che non permetteranno che il loro sguardo sia allontanato dall'oggetto dalla canutiglia e dalle luci di posizione che potrebbero venire nel raggio di visione.

Quelli che hanno dimenticato o che hanno imparato a dimenticare, che hanno imparato o imparato a accontentarsi delle cose come sono, o che si accontentano naturalmente dei sensi, dopo aver sperimentato la loro prima delusione, che può essere stata lieve o semplice o intensa severo, o quelli la cui mente brama e sono saturi di gioie sensuali, negherà la verità nella foto; ridicolizzeranno o saranno infastiditi e lo condanneranno.

Ma ciò che sembra essere veramente parlato non dovrebbe essere condannato, anche se è spiacevole. Se l'occhio della mente può guardare con calma e profondità alla questione, il fastidio scomparirà e la felicità prenderà il suo posto, poiché si vedrà che ciò che vale davvero mentre nel sesso non è il dolore della delusione né la gioia del piacere, ma l'apprendimento e il compimento del proprio dovere nel sesso e la scoperta della realtà che sta dentro e oltre il fatto del sesso.

Tutta la miseria, l'eccitazione, l'irrequietezza, il dolore, il dolore, la passione, la lussuria, l'indulgenza, la paura, le difficoltà, la responsabilità, la delusione, la disperazione, la malattia e l'afflizione, che sono implicate nel sesso, scompariranno gradualmente, e in proporzione alla realtà al di là del sesso visto e i compiti sono assunti e svolti. Quando la mente si risveglia alla sua vera natura, è felice che non si accontenti del lato sensuale del sesso; gli oneri derivanti dai doveri diventano più leggeri; i doveri non sono catene che ne tengono uno in schiavitù, ma piuttosto uno staff sulla strada per altezze maggiori e ideali più elevati. Il lavoro diventa lavoro; la vita, invece di una padrona di scuola dura e crudele, è vista come un insegnante gentile e disponibile.

Ma per vedere questo, non si deve grovelare a terra nell'oscurità, deve stare eretto e abituare i suoi occhi alla luce. Man mano che si abitua alla luce, vedrà nel mistero del sesso. Vedrà le attuali condizioni sessuali come risultati karmici, che le condizioni sessuali sono il risultato di cause spirituali e che il suo karma spirituale è direttamente connesso e correlato al sesso.

Continua.