La fondazione di parole

Il karma è pensiero: pensiero spirituale, mentale, psichico, fisico.

Il pensiero mentale riguarda la materia vitale atomica nello zodiaco mentale.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 8 FEBBRAIO, 1909. No. 5

Copyright, 1909, di HW PERCIVAL.

KARMA.

VII.
Karma mentale.

Continua.

Una caratteristica del karma mentale di una persona che permette alla sua mente di essere drogata in una convinzione che si oppone alla sua ragione, è che è infelice e irrequieto. Diventa un meteorologo mentale. La sua mente non ha più una direzione propria, ma gira nella direzione data da qualsiasi influenza prevalente. Un tale meteorologo accetterà la convinzione della persona o del corpo con cui si trova e prenderà anche la convinzione di quello successivo. Si sposta da una credenza all'altra e non è mai sicuro di quale sia la cosa giusta.

Ricordiamo una persona simile. Era un "falegname". Si era identificato con diversi corpi religiosi e leggermente filosofici in diversi luoghi in cui era stato. Le sue fedi divennero troppo numerose per poterle riconciliare. Non riusciva a decidere quale fosse quella giusta. In una lettera a un amico, ha descritto il suo stato mentale come instabile e infelice, perché, ha detto, non sapeva solo cosa faceva o non credeva. Ognuna delle sue fedi sembrava giusta mentre ci pensava, ma quando si rivolse a quello successivo, anche quello apparve giusto. Non avendo assistenza in questo dilemma, il suo pensiero iniziò a rimuginare sulle sue fedi in successione. Quindi la sua mente roteava follemente da una fede all'altra fino a quando non sapeva su quale appoggiarsi. Alla fine decise di adottare un piano originale. Ha detto che ha scoperto che la sua mente cambiava così spesso e poiché non era in grado di impedire che cambiasse da una credenza all'altra, doveva convincere qualcuno a cambiare idea per lui, in modo che rimanesse cambiato. Così ha scritto e in seguito è andato a uno "scienziato" che sicuramente sapeva e lo "scienziato" ha cambiato idea per lui. Ma questo l'ha aiutato?

Questi falsi "scienziati" rappresentano ostacoli al progresso. Sebbene le loro credenze appaiano divertenti e indegne di pensieri seri, e anche se loro e le loro affermazioni sembrano abbastanza innocue, tuttavia sono più pericolose di qualsiasi nemico fisico. Sono nemici per l'umanità. Prevalgono e parlano falsamente di fatti esistenti. Fanno fronte contro i fatti. Sovvertono la facoltà di ragionamento addestrandola a negare i fatti che sono noti e affermano come teorie di fatti che non sono vere allo stesso modo di senso e ragione. La loro esistenza sembrerebbe ingiusta, e sembrerebbe che non dovrebbero avere posto nel mondo; ma fanno parte del karma mentale dell'epoca. Coloro che diventano di questi "scienziati", di qualunque ramo, e si sentono tali, sono entrati nell'eredità del loro karma mentale passato.

Il karma dello "scienziato" che nega i fatti e afferma le menzogne, è il karma del bugiardo mentale che viene inoculato e vittima delle sue stesse menzogne. Dopo aver ingannato molti, alla fine inganna se stesso. Questo stato non viene raggiunto rapidamente e immediatamente. Dapprima uno "scienziato" tenta di ingannare o illudere gli altri in una forma lieve, e trovando successo nei suoi tentativi, continua. Il rinculo è sicuro e diventa vittima della sua stessa pratica. Molti che non sono in grado di determinare una cosa per se stessi stanno ricevendo i loro giusti deserti.

Il pensiero "scienziato" è il karma mentale dell'era del pensiero. Questi scienziati sono agenti karmici. Interferiscono e rendono difficile il progresso mentale perché confondono le menti e le credenze delle persone. Afferrando un fatto, lo hanno battuto fuori forma e lo hanno sfoggiato in un abito di illusioni. Tuttavia, il loro lavoro non è senza servizio. Stanno fungendo da orribili esempi per Religioni e Scienza di ciò che potrebbe derivarne se non seguissero la verità per se stessa, invece di insistere sul dicta autorevole e sul bigottismo delle autorità. Hanno valore nel dimostrare alla religione e alla scienza che né possono basarsi sulle tradizioni passate né sugli sforzi iniziali, ma che devono crescere fuori dalle tradizioni.

Un'altra classe di persone sono quelle che parlano di una "legge dell'opulenza". Dichiarano che tutte le cose sono contenute nella Mente Universale, che possono chiedere alla Mente Universale tutto ciò che desiderano e che se la loro richiesta viene fatta in modo adeguato e abbastanza forte otterranno ciò che richiedono, sia esso un pezzo di stoffa o milioni di dollari. La regola con cui lavorano è di fare una chiara immagine della cosa che desiderano, quindi desiderare quella cosa seriamente e con perseveranza, e quindi credere positivamente che la otterranno e che sicuramente arriverà a loro. Molti hanno avuto un notevole successo nell'ottenere ciò che non apparteneva loro legittimamente. Questo metodo di domanda e offerta è illegale come qualsiasi atto di rapina in autostrada. Tutte le cose sono ovviamente contenute nella Mente Universale. Ogni singola mente è un'unità all'interno della Mente Universale, ma nessuna unità ha il diritto di chiedere ad altre unità ciò che possiede, né di richiedere alla Mente Universale (Dio) ciò che essa, l'unità, non ha già. La Mente Universale o Dio dovrebbe avere la stessa intelligenza della piccola unità, uomo, e dovrebbe sapere a cosa ha diritto. Agendo dall'intelligenza, la Mente Universale darà all'omino ciò che gli appartiene, senza che lo richieda. Quando l'uomo fa la sua immagine mentale e attira o prende l'oggetto secondo il metodo dei credenti nella presunta legge dell'opulenza, agisce secondo il principio di un ladro o di un uomo delle strade. Apprendendo che una carrozza deve passare lungo una determinata strada, l'autostrada si arma, attende l'arrivo della carrozza, ferma l'autista e chiede le borse dei passeggeri che, a causa del vantaggio delle sue braccia, soddisfano le sue esigenze ; e così ottiene ciò che richiede. Il demander dell'opulenza forma il quadro di ciò che desidera, usa le munizioni del suo desiderio e l'oggetto del suo desiderio viene a lui. Ma qualcuno deve soddisfare le sue richieste. Mentre prende i soldi che gli viene consigliato di chiedere da coloro che sostengono questo piano, priva coloro che soddisfano le sue richieste proprio mentre il bandito saccheggia le sue vittime. Ma la legge di giustizia governa, nonostante tutta l'opulenza e i suoi pretendenti. Ognuno deve pagare per quello che ottiene e i colpevoli mentali, i ladri, i vagabondi e i fuorilegge sicuramente pagheranno per i loro furti come il ladro alla fine. Saranno scoperti dalla legge, il cui ricordo non fallisce. All'inizio il bandito si rallegra della sua illegalità e delle glorie nell'esercizio del suo potere di privare gli altri dei loro beni. Ma deve vivere separato dagli uomini, e invecchiando sente e si rammarica del suo isolamento dall'umanità. Vede che ciò che ottiene non gli porta felicità e le sue azioni di fuorilegge lo perseguitano nelle visioni della notte. Comincia, inizialmente inconsciamente, a sentire che la legge lo supererà; alla fine lo fa e viene incarcerato dietro le mura della prigione, costretto ad astenersi. Il fuorilegge opulentista non è molto diverso. Quando scopre di poter desiderare qualcosa e ottenerlo, trae il suo stesso piacere dal ladro. Quindi diventa più audace e sicuro di sé ed è un audace uomo delle strade nel suo mondo mentale in cui richiede opulenza e lo ottiene, ma col passare del tempo sente un isolamento, perché agisce contro la legge del mondo mentale. Sta approfittando ingiustamente del vantaggio; le sue azioni in cui esultò per la prima volta iniziano a indietreggiare su di lui. Sebbene usi tutti i suoi argomenti speciosi al contrario, sente e sa che sta agendo contro la legge. La legge del mondo mentale è proprio nella sua inesorabile operazione su tutti questi criminali e squali mentali, e anche l'opulentista è superato dalla legge. La legge può influenzarlo sia fisicamente che mentalmente. Tutti i beni possono essere spazzati via da lui e può essere ridotto alla penuria e alla totale povertà. Sarà perseguitato da creature mentali che lo perseguitano costantemente e da cui non può fuggire. Queste visioni spesso finiscono con la follia. Il karma di tali azioni sarà in un'altra vita, in base all'altezza in cui ha portato la sua pratica, o lo doterà delle stesse tendenze di furto mentale o lo renderà una preda per gli altri che gli tolgono ciò che ha. Quando si arriva con tali tendenze, si porta avanti ciò che è stato generato in passato. Se queste pratiche proseguiranno, di solito trasformeranno il praticante in un disastro mentale.

Coloro che seguono ciò che considerano la legge della domanda e dell'offerta e cercano di fare richieste sulla natura senza lavorare secondo metodi legittimi per ciò che richiedono, non sono tutti impostori. Molti iniziano in buona fede e agiscono su consiglio degli altri. Quando iniziano così, possono essere abbastanza onesti nella loro pratica, ma mentre continuano, l'esperienza insegnerà loro che la pratica è illegale. Coloro che tentano di entrare consapevolmente nel mondo del pensiero saranno sottoposti a lezioni più rigide rispetto all'uomo comune del mondo. A chi tenta di entrare nel mondo del pensiero viene data la lezione che non dovrebbe desiderare nulla legato alla sua personalità o da cui riceverà un vantaggio personale, fino a quando non conosce la natura dei suoi pensieri, è in grado di scoprire i suoi motivi, e per distinguere tra azione giusta e sbagliata. La coscienza li avvertirà che stanno camminando su un terreno pericoloso. La coscienza dirà "basta". Quando ascolteranno la coscienza, avranno una o due esperienze che mostreranno loro l'errore; ma se provano a fare un affare con la coscienza o non lo rispettano e continuano nella loro pratica, allora diventano fuorilegge nel mondo mentale e riceveranno le lezioni che vengono date ai fuorilegge. Desiderare una cosa porterà quella cosa, ma invece di essere di aiuto, si rivelerà un peso e precipiterà sul wisher inesperto molte cose che non si aspettava.

Oltre a colui che pensa al fine di trarre profitto da una presunta legge di opulenza, c'è la persona comune che non conosce tale termine, ma che semplicemente desidera e desidera cose. La filosofia del desiderio è importante per lo studente del karma mentale. L'atto di desiderare mette in moto molte forze e colui che desidera e continua a pensare e desiderare qualcosa in particolare otterrà quella cosa. Quando ottiene ciò che desiderava, raramente ha avuto il modo in cui lo desiderava, perché non poteva vedere tutti i fattori con cui aveva a che fare quando desiderava, né poteva vedere tutte le cose che erano collegate con l'oggetto del suo desiderio. Questa è l'esperienza di molti che hanno avuto successo nel desiderare. Questo perché, mentre vede mentalmente la cosa che desidera, non vede le cose a cui sono attaccate e che la seguono. È come uno che vede e desidera una sciarpa di seta che pende dalla cima di uno scaffale, e che si alza, afferra e tira, e mentre lo fa prende la sciarpa e con essa gli si precipitano in testa molte cose che erano state posizionato sopra e vicino alla sciarpa. Una di queste esperienze dovrebbe impedire all'eruzione di eruzioni cutanee di commettere di nuovo lo stesso errore e, in futuro, indurlo a lavorare per la sciarpa e quindi assicurarsi che nient'altro verrà. Quindi, il wisher dovrebbe prima negoziare per l'oggetto del suo desiderio, vale a dire, lavorare per esso. Quindi può ottenerlo rispettando le leggi che lo renderanno suo.

Se uno presta attenzione ai fatti, scoprirà che può ottenere ciò che desidera, ma che non lo ottiene mai come desiderava, e spesso sarà contento di esserne privo. Certo, ci sono quelli a cui piacciono gli "scienziati" che non ammetteranno mai i fatti e che cercheranno sempre di persuadere se stessi e gli altri che tutto è successo proprio come lo desideravano, ma nei loro cuori sanno meglio. Non è saggio per chi vorrebbe entrare nel mondo mentale del pensiero desiderare o desiderare qualsiasi oggetto che abbia a che fare con la sua personalità. L'unica cosa che può desiderare saggiamente e senza effetti negativi per nessuno è essere illuminata divinamente sul modo migliore di agire. Ma poi il suo desiderio cessa di crescere e di espandersi naturalmente.

I diversi "scienziati" hanno dimostrato che alcune cure vengono effettuate. Alcuni effettuano le loro cure negando l'esistenza di ciò che curano; mentre altri ottengono lo stesso risultato insistendo sul fatto che la cura esiste già, fino a quando non sembra essere effettivamente effettuata. I risultati non sono sempre quelli che si aspettano; non possono mai dire esattamente cosa accadrà nel trattamento, ma occasionalmente sembrano influenzare la loro cura. Colui che cura per negazione di ciò che tratta rimuove il problema con un processo di pensiero vuoto e colui che effettua le cure insistendo sul fatto che non c'è nessun problema dove si trova il problema, rimuove il problema con un processo di pressione del pensiero. Il processo del vuoto solleva il problema sopra la vittima, il processo della pressione lo forza sotto.

Tutto ciò che gli "scienziati" fanno per un malato è di rimuovere il problema soppiantandolo con la forza dei propri pensieri. Il problema rimane a carico della vittima e quando arriverà il ciclo successivo per la sua ricomparsa, si precipiterà con l'interesse accumulato che ha suscitato. Ciò che questi "scienziati" hanno fatto alla loro vittima è simile a quello che un medico fa al suo paziente sofferente, se dà morfina per alleviare la sofferenza. Lo "scienziato" fornisce una droga mentale, il cui effetto è che sostituisce il disturbo, che ha temporaneamente rimosso. La morfina è cattiva, ma la droga mentale dello "scienziato" è peggio. Nessuno dei due farmaci curerà, sebbene ciascuno renderà la vittima insensibile alla sua denuncia. Ma la droga dello "scienziato" è cento volte peggio di quella del medico.

Le cure di vibratori, medici mentali, dottori in difficoltà, medici preoccupati, opulentisti e simili, hanno tutti a che fare con il mondo inferiore del pensiero. Tutti interferiscono allo stesso modo con il processo della mente in relazione alla malattia e tutti ugualmente raccoglieranno i disordini mentali che hanno causato essere insediati nelle loro menti e nelle menti degli altri, se il loro dottorato si oppone al principio eterno della luce e ragione, giustizia e verità.

Una lezione di grande valore che i cristiani, i mentali e gli altri "scienziati" delle cosiddette nuove scuole dovrebbero insegnare alla Chiesa cristiana è che i miracoli della Chiesa e le cure della scienza possono essere compiuti senza l'autorità del cristiano Chiesa o scienza degli scienziati. Questa è un'amara lezione per la Chiesa e la scienza; ma a meno che le chiese non imparino la lezione, saranno sostituite da un'altra fede. A meno che gli scienziati non ammettano i fatti e propongano nuove teorie da spiegare, le loro teorie saranno screditate dai fatti. La lezione di particolare valore per la chiesa e la scienza è che c'è un potere e una realtà nel Pensiero, che non era mai stato compreso prima, che il pensiero è il vero creatore del mondo e dei destini dell'uomo, che la legge del pensiero è la legge con cui vengono eseguite le operazioni della natura.

Il potere del pensiero viene dimostrato dagli "scienziati" da ciascuno secondo il carattere del suo culto. Gli "scienziati" costringeranno la scienza a riconoscere i fatti dimostrati. Quando i pensatori chiari e imparziali entrano in modo intelligente nel mondo mentale del pensiero, vedranno e spiegheranno la relazione tra causa ed effetto ed effetto per causare apparenze fisiche, fenomeni psichici e disturbi mentali. Fino ad allora sarà possibile per le persone conoscere i fatti riguardanti il ​​potere e l'uso corretto del pensiero nella cura di malattie e altri problemi. Le cause della malattia saranno chiaramente visibili e le affermazioni degli "scienziati" non avranno spazio. Si vedrà quindi che a loro e agli altri sono stati fatti più danni di quanti possano essere corretti in una vita.

Allo stato attuale, le menti degli uomini possono essere preparate per l'uso e la conoscenza di tale potere da ciascuno all'altezza della sua attuale conoscenza delle leggi della salute, da un controllo dei suoi desideri, vivendo una vita pulita come capisce, da purificando la sua mente dai pensieri intensamente egoistici che ora lo riempiono e imparando il corretto uso del denaro. Se gli uomini ora potessero conoscere le leggi che regolano i diversi processi in base ai quali i pensieri sono regolati nel loro effetto dinamico su altri organismi, questa conoscenza porterebbe un disastro alla corsa.

Uno dei mania dell'epoca sono gli esercizi di respirazione "Yogi" che consistono nell'inalazione, nella ritenzione e nell'espirazione del respiro per determinati periodi di tempo. Questa pratica ha effetti più dannosi sui nervi e sulla mente di quelli occidentali che la seguono. È stato introdotto da alcuni orientali che conoscono poco della natura della mente occidentale o della costituzione psichica del nostro popolo. Questa pratica è stata delineata da Patanjali, uno dei più grandi saggi orientali, ed è destinato al discepolo dopo essersi qualificato in determinati gradi fisici e mentali.

Al giorno d'oggi viene insegnato alle persone prima ancora di aver iniziato a capire la loro natura fisiologica e psichica e mentre non sanno praticamente nulla della mente. Pieni di desideri e con molti vizi attivi, iniziano gli esercizi di respirazione che, se persistono, frantumano il loro sistema nervoso e li gettano sotto influenze psichiche che non sono preparati a comprendere e combattere. L'oggetto dichiarato degli esercizi di respirazione è controllare la mente; ma invece di ottenere il controllo della mente, la perdono. Coloro che ora insegnano questa pratica non hanno ancora spiegato cosa sia la mente, né quale sia il respiro, né come siano collegati e con quali mezzi; né quali cambiamenti avvengono nel respiro, nella mente e nel sistema nervoso. Tuttavia, tutto ciò dovrebbe essere conosciuto da chi insegna l'inspirazione, la ritenzione e l'espirazione del respiro, chiamate in sanscrito pranayama, altrimenti sia l'insegnante che l'allievo incontreranno risultati karmici mentali in base all'estensione della pratica e all'ignoranza e ai motivi di ciascuno .

Chi tenta di insegnare esercizi di respirazione, è qualificato o non si adatta. Se è qualificato, saprà se anche un candidato al discepolato è qualificato. La sua qualifica dovrebbe essere che ha superato tutte le pratiche che insegna, ha sviluppato tutte le facoltà di cui insegna, ha raggiunto lo stato che rivendica come risultato delle pratiche. Chi è qualificato per insegnare non avrà come allievo uno che non è pronto; perché sa, non solo che sarà karmicamente responsabile per il suo allievo durante le sue istruzioni, ma sa anche che se l'alunno non è pronto, non può attraversarlo. Chi tenta di insegnare e non è qualificato è una frode o un ignorante. Se è un imbroglione, fingerà molto, ma può dare poco. Tutto quello che saprà sarà ciò che gli altri hanno detto e non ciò che lui stesso ha dimostrato, e insegnerà con qualche oggetto in vista diverso dal beneficio del suo allievo. L'ignorante suppone di sapere ciò che non sa e che, avendo il desiderio di essere un insegnante, tenta di insegnare ciò che in realtà non conosce. Sia la frode che l'ignorante sono responsabili per i mali inflitti al seguace delle loro istruzioni. L'insegnante è mentalmente e moralmente legato a colui a cui insegna, per eventuali errori derivanti dal suo insegnamento.

Gli esercizi di respirazione "Yogi" consistono nella chiusura di una narice con una delle dita, quindi espirando attraverso la narice aperta per un certo numero di conteggi, quindi chiudendo con un altro dito la narice attraverso la quale veniva espirato il respiro; quindi nel fermare il respiro per un certo numero di conteggi, dopo di che il dito viene rimosso dalla narice prima trattenuto e attraverso il quale quindi il respiro viene inalato per un certo numero di conteggi, quindi chiudendo quella narice con lo stesso dito e tenendo premuto il respiro inalato per un certo numero di conteggi. Questo fa un ciclo completo. Lo sfiatatoio continua l'operazione. Questa espirazione e interruzione, inspirazione e interruzione è continuata ininterrottamente per il tempo fissato dall'aspirante yogi. Questo esercizio è di solito praticato in alcune posture del corpo sorprendentemente diverse dalle posizioni normalmente assunte dalle persone occidentali nelle loro meditazioni.

A chi ascolta per la prima volta questo esercizio sembrerà ridicolo, ma è lungi dall'essere così quando si conosce la sua pratica, osserva i suoi risultati o ha una conoscenza della sua filosofia. È considerato sciocco solo da coloro che ignorano la natura della relazione del respiro con la mente.

C'è un respiro fisico, uno psichico e uno mentale. Ciascuno è correlato e connesso all'altro. La natura del respiro fisico e mentale è correlata dal respiro psichico. Il respiro psichico è ciò che organizza e regola la vita nel corpo fisico mediante il respiro fisico, verso e con la mente e le sue operazioni mentali, attraverso i processi del pensiero. Il respiro fisico, rigorosamente, consiste degli elementi e delle forze che agiscono sul mondo fisico. Il respiro mentale è l'Io incarnato nel corpo, il respiro psichico è un'entità che esiste all'interno e senza il corpo fisico. Ha un centro all'esterno e un centro all'interno del corpo fisico. La sede del respiro psichico nel corpo è il cuore. C'è un'oscillazione costante tra due centri. Questa oscillazione psichica del respiro fa precipitare l'aria nel corpo e fuoriesce di nuovo. Gli elementi fisici del respiro, mentre si precipitano nel corpo, agiscono sul sangue e sui tessuti del corpo, fornendo un certo cibo elementare. Gli elementi fisici che vengono espirati sono quelli che il corpo non può usare e che non possono essere ben rimossi in altro modo se non per mezzo del respiro fisico. La corretta regolazione del respiro fisico mantiene il corpo in salute. Il respiro psichico stabilisce la relazione tra queste particelle fisiche con i desideri della struttura organica e tra i desideri e la mente. La relazione tra i desideri e il fisico con la mente è stabilita dal respiro psichico attraverso un'aura nervosa che l'aura nervosa agisce sulla mente e viene utilizzata dalla mente o controlla la mente.

L'intenzione dello yogi sarebbe quella di controllare il mentale attraverso il respiro fisico, ma questo è irragionevole. Comincia dalla parte sbagliata. Il superiore dovrebbe essere padrone del inferiore. Anche se il superiore è dominato dal inferiore, il servitore non può mai diventare padrone di se stesso dominando ciò che dovrebbe essere il suo padrone. Il risultato naturale del mentale, essendo controllato dal respiro fisico è l'abbassamento della mente senza un innalzamento del respiro. Essendo stata interrotta la relazione, segue la confusione.

Quando uno trattiene il respiro, trattiene il gas di acido carbonico nel suo corpo, che è distruttivo per la vita animale e impedisce il deflusso di altri prodotti di scarto. Trattenendo il respiro impedisce anche al suo corpo di respiro psichico di oscillare verso l'esterno. Quando il movimento del corpo psichico viene interferito, a sua volta interferisce con o sopprime le operazioni della mente. Quando uno ha espirato tutta l'aria dai polmoni e sospende il respiro, impedisce l'afflusso degli elementi necessari come cibo per i tessuti del corpo e per l'uso dell'entità psichica nel corpo, e impedisce l'insorgenza del psichico respiro. Tutto ciò ha la tendenza a sospendere o ritardare l'azione della mente. Questo è l'oggetto mirato dallo "yogi". Cerca di sopprimere le funzioni della mente in connessione con il corpo fisico al fine di controllarlo e passare in uno stato psichico solitamente chiamato spirituale. Il risultato è che l'azione del cuore è gravemente disturbata e ferita. Di coloro che seguono costantemente questa pratica, la grande maggioranza diventerà psichicamente squilibrata e mentalmente squilibrata. Il cuore non riuscirà a svolgere correttamente le sue funzioni e probabilmente seguiranno il consumo o la paralisi. Tale è il karma della maggior parte di coloro che persistono nella respirazione "yogi". Ma non in tutti i casi questo è il risultato.

Occasionalmente ci possono essere tra coloro che praticano il pranayama uno più determinato degli altri e che ha un certo potere mentalmente, o uno che è posseduto da un desiderio feroce e costante. Quando continua la pratica, impara a diventare coscientemente attivo, man mano che l'azione psichica aumenta. Alla fine diventa in grado di agire sul piano astrale, di vedere i desideri degli altri e di saperli usare per i propri fini; se continua causerà la propria distruzione, non essendo liberato dai suoi desideri, ma controllato da loro. L'unica differenza tra i suoi stati precedenti e successivi è che è in grado di percepire le cose più intensamente di prima e di avere più potere sugli altri. Alla fine cadrà negli eccessi della natura sessuale e commetterà crimini e diventerà pazzo.

Hatha Yoga, o esercizi di respirazione, richiedono una disciplina lunga e severa che pochi occidentali hanno la volontà o la resistenza da seguire, e quindi, fortunatamente per loro, è solo una mania per un po 'di tempo e poi riprendono con un'altra moda. Chi aderisce alla pratica riceve il suo karma come risultato del suo motivo e delle sue azioni, così come colui che tenta di insegnargli.

Nel pensiero del giorno ci sono insegnamenti di persone che compaiono e raccolgono un seguito dalle strane affermazioni di culti mahatma, culti con se stessi come eroi, sostenendo di essere unti di Dio e la reincarnazione di un salvatore, arcangelo o profeta di un tempo. Alcuni sostengono addirittura di essere Dio incarnato. Non possiamo dire che questi pretendenti sono pazzi, a causa dei molti seguaci che hanno. Ciascuno sembra competere con l'altro nella santità e nell'incoscienza della sua pretesa, e ognuno ha la sua folla devota su di lui. Sembrerebbe che il paradiso sia diventato spopolato dalle recenti incarnazioni sulla terra. Ognuna delle incarnazioni è rigorosamente aggiornata, nella misura in cui il suo prezzo è alto quanto i suoi seguaci resisteranno. Per quanto riguarda la causa della loro moneta accettante, questi insegnanti danno allegramente la duplice ragione: che l'alunno non può valutare e beneficiare dell'istruzione se non paga, e che il lavoratore è degno del suo assunzione. Questi insegnanti sono il karma del tempo e delle persone che sono ingannate e credono in loro. Sono esempi viventi delle debolezze, della credulità e della superficialità dei loro seguaci. Il loro karma è quello del bugiardo mentale, spiegato in precedenza.

Uno dei segni dei tempi è il movimento teosofico. La Società Teosofica apparve con un messaggio e una missione. Ha presentato la Teosofia, antichi insegnamenti nella veste moderna: della fratellanza, del karma e della reincarnazione, dando come base la settuplice costituzione dell'uomo e dell'universo e l'insegnamento della perfezione dell'uomo. L'accettazione di questi insegnamenti dà all'uomo una comprensione e una comprensione di se stesso come nient'altro fa. Mostrano una progressione ordinata attraverso tutte le parti della natura, dalle più basse e apparentemente più insignificanti delle sue forme attraverso tutti i suoi regni e oltre, nei regni in cui la sola mente può librarsi nella sua massima aspirazione. Con questi insegnamenti l'uomo non è considerato un semplice burattino nelle mani di un essere onnipotente, né guidato da una forza cieca, né il gioco di circostanze fortuite. Si vede che l'uomo è se stesso un creatore, il suo arbitro e il decreer del suo stesso destino. È stato chiarito che l'uomo può e otterrà attraverso incarnazioni ripetute fino a un grado di perfezione ben oltre il suo pensiero più elevato; che come ideali di questo stato, raggiunto attraverso molte incarnazioni, ci devono essere anche ora vivi, uomini che hanno raggiunto la saggezza e la perfezione e che sono ciò che l'uomo ordinario sarà nel tempo. Queste sono dottrine necessarie per soddisfare tutte le parti della natura umana. Possiedono ciò che manca alla scienza e alle religioni moderne; soddisfano la ragione, soddisfano il cuore, stabiliscono una relazione intima tra il cuore e la testa e dimostrano i mezzi con cui l'uomo può raggiungere gli ideali più elevati.

Questi insegnamenti hanno lasciato il segno su ogni fase del pensiero moderno; scienziati, scrittori, creatori e seguaci di tutti gli altri movimenti moderni, hanno preso in prestito dal grande fondo di informazioni, sebbene quelli che prendono non hanno sempre conosciuto la fonte da cui hanno preso in prestito. Il pensiero teosofico, più di ogni altro movimento, ha modellato la tendenza alla libertà nel pensiero religioso, ha dato un impulso agli impulsi scientifici e una nuova luce alla mente filosofica. Gli scrittori di narrativa sono illuminati dalle sue dottrine. La teosofia sta evocando una nuova scuola di letteratura. La teosofia ha ampiamente rimosso la paura della morte e del futuro. Ha portato l'idea del paradiso in affari mondani. Ha fatto dissipare i terrori dell'inferno come nebbia. Ha dato alla mente una libertà che nessun'altra forma di credenza ha conferito.

Eppure alcuni teosofi hanno fatto più di tutti gli altri per sminuire il nome Teosofia e far sembrare ridicoli i suoi insegnamenti al pubblico. Diventare membri di una società non ha reso teosofi le persone. Le accuse del mondo contro i membri della Società Teosofica sono spesso vere. La più grande delle sue dottrine e la più difficile da realizzare è quella della Fratellanza. La fratellanza di cui si parla è la fratellanza nello spirito, non del corpo. Pensare che la fratellanza avrebbe portato lo spirito di fratellanza nella vita fisica dei membri, ma non riuscendo a vedere e ad agire da questa posizione elevata, e agendo invece dal basso livello di scopi personali, lasciarono affermare la natura umana inferiore. L'ambizione li accecò alla fratellanza e la piccola gelosia e i litigi divisero la Società Teosofica in parti.

I Maestri furono citati e i loro messaggi reclamati; ciascuna parte dichiara di avere messaggi dai Maestri e di conoscere la propria volontà, proprio come afferma il settario bigotto di conoscere e fare la volontà di Dio. La profonda dottrina della reincarnazione nel suo senso teosofico è stata ridicolizzata da tali teosofi che affermano una conoscenza delle loro vite passate e delle vite degli altri, quando le loro stesse affermazioni li hanno convinti dell'ignoranza.

L'insegnamento in cui viene mostrato più interesse è quello del mondo astrale. Il modo in cui si avvicinano indicherebbe che la filosofia è dimenticata e che hanno a che fare con il suo lato letale, piuttosto che con quello del divinatore. Il mondo astrale è stato cercato ed è entrato da alcuni, e venendo sotto il fascino seducente e l'incantesimo ipnotico, molti sono diventati vittime delle loro fantasie e della sua luce ingannevole. La fratellanza ha subito violenza da parte di alcuni teosofi. Le loro azioni mostrano che il suo significato è stato dimenticato, se mai compreso. Il karma di cui si parla ora, è stereotipato e ha un suono vuoto. Gli insegnamenti della reincarnazione e i sette principi vengono ridisegnati in termini senza vita e mancano della virilità necessaria per la crescita e il progresso. La frode è stata praticata dai membri della Società e in nome della Teosofia. Non diversi da quelli di altri movimenti, molti teosofi hanno sostenuto il karma che hanno insegnato.

La Società Teosofica ha ricevuto e distribuito grandi verità, ma tale onore comporta una grande responsabilità. Il karma di coloro che non sono riusciti a svolgere il loro lavoro nella Società Teosofica sarà maggiore e raggiungerà più lontano di quello degli altri movimenti, perché i membri della Società Teosofica avevano una conoscenza della legge. Le grandi responsabilità spettano a coloro che conoscono le dottrine ma non riescono a rispettarle.

A giudicare dall'azione attuale, le fazioni divise della Società Teosofica sono in triste decadenza. Ognuno, secondo le sue debolezze umane, si sta spostando nelle piccole pozze di forme in decomposizione. Alcuni preferiscono il lato sociale, dove gli incontri sono per i preferiti e gli amici. Altri preferiscono le arti e i metodi dell'asilo. Altri preferiscono vivere nei ricordi del passato e combattere di nuovo sui litigi della Compagnia che hanno vinto o perso. Altri ancora preferiscono il cerimoniale, l'omaggio dovuto a un sacerdote e l'autorità di un papa, mentre altri sono attratti dal fascino astrale e stanno diventando illusi e irretiti nell'inseguire le sue luci sfuggenti. Alcuni hanno lasciato i ranghi e lavorano gli insegnamenti divini per ottenere denaro e una vita facile.

La parte sociale durerà fino a quando dureranno le mode sociali. Il karma di tali membri è che coloro che sapevano della Teosofia in futuro ne saranno esclusi da legami sociali. Coloro che seguono il metodo dell'asilo saranno assorbiti dai piccoli doveri della vita quando il loro lavoro nel mondo verrà ricominciato; i doveri meschini impediranno loro di assumere i doveri di una vita più ampia. Il karma di coloro che vivono nei ricordi del passato conflitto della Società Teosofica sarà che il loro conflitto impedirà loro di riprendere il lavoro e di trarre beneficio dai suoi insegnamenti. Coloro che desiderano costruire una chiesa teosofica con il suo sacerdote e papa, in futuro nasceranno e saranno allevati e legati al rituale e una chiesa in cui le loro menti aspetteranno la libertà, ma dove l'educazione e le forme convenzionali le limiteranno. Devono calcolare quel prezzo terribile che ora stanno preparando come i loro debiti futuri. Predicare contro il sacerdozio e l'autorità mentre praticano il contrario di ciò che predicano, stanno facendo prigioni per le loro menti in cui saranno vincolati fino a quando non pagheranno completamente il debito. Coloro che cercano la Teosofia nel mondo astrale incorreranno nel karma di sensitivi deboli e impotenti che si metteranno sotto controllo per gratificare la sensazione. Diventeranno relitti morali, perderanno l'uso delle facoltà mentali o diventeranno pazzi.

Il karma di queste diverse sette potrebbe non essere rimandato al futuro, gran parte di esso sarà sofferto qui. Se dovesse essere sperimentato ora, sarà il loro buon karma se saranno in grado di correggere i loro errori e intraprendere la vera strada.

Le società teosofiche stanno morendo lentamente. Passeranno se si rifiutano di svegliarsi e di realizzare le dottrine che insegnano. C'è ancora tempo per i diversi leader e membri di risvegliarsi all'attuale verità della fratellanza e riunire le loro forze. Se ciò può essere fatto, gran parte del karma dell'età degli informatori della società verrà risolto. Verranno pagati vecchi debiti e verrà inserito un nuovo lavoro che eccellerà in tutto ciò che è stato ancora fatto. Non è troppo tardi C'è ancora tempo.

I reclami dell'autorità come capi esterni o commissioni dei Maestri devono essere messi da parte. Il sentimento di tolleranza non è abbastanza; l'amore della fratellanza deve essere desiderato e sperimentato prima che i risultati diventino evidenti. Tutti coloro che vorrebbero avere di nuovo la Società Teosofica, devono prima iniziare a desiderarla e a pensarci ed essere disposti a vedere e liberarsi del proprio autoinganno, disposti a rinunciare alle proprie pretese e diritti personali in qualsiasi luogo o posizione, e di mettere da parte tutti i pregiudizi a favore o contro coloro che sono impegnati nel lavoro teosofico.

Se ciò può essere fatto con un numero sufficiente, l'unione delle società teosofiche verrà effettuata di nuovo. Se la maggioranza lo penserà e desidererà l'unione secondo i principi di giustizia e giustizia, la vedranno come un fatto compiuto. Uno o due o tre non possono farlo. Può essere effettuato solo quando è desiderato da molti che pensano e che possono liberare le loro menti dal pregiudizio personale abbastanza a lungo da vedere la verità delle cose.

Coloro che sanzionano queste fedi, credenze e sistemi che il presente ciclo ha messo in luce, saranno responsabili dei mali e dei danni che la loro sanzione arrecherà alle fedi del futuro. Il dovere di chiunque sia interessato alla religione, alla filosofia e alle scienze, è sanzionare solo le dottrine che ritiene vere e non dare alcuna parola di approvazione a coloro che ritiene falsi. Se ognuno è fedele a questo dovere, il benessere del futuro sarà assicurato.

Dal tumulto e dal caos delle opinioni si svilupperà una religione filosofica e scientifica, come la storia non registra. Non sarà una religione, ma piuttosto una comprensione delle innumerevoli forme di pensiero interiori, riflesse o espresse nelle forme esterne della natura, attraverso tutte le quali la divinità sarà percepita.