La fondazione di parole

PENSIERO E DESTINO

Harold W. Percival

CAPITOLO IX

RE-ESISTENZA

Sezione 13

Il tempo tra esistenze. A proposito dei corpi celesti. Tempo. Perché le persone si adattano all'età in cui vivono.

Il tempo tra le esistenze varia. Prima che possa esistere di nuovo una porzione di Doer, le altre parti di Doer devono essere esistite nel loro ordine. Numerosi fattori influenzano il periodo che deve trascorrere prima che una parte del colpevole ritorni sul terreno comune come un essere umano. I periodi variano in casi diversi da un centinaio di anni a migliaia e migliaia, come misurato dal tempo fisico.

Le esistenze, proprio come tutti gli altri eventi che dipendono da questo tempo fisico, possono aver luogo solo quando c'è una coincidenza di questo fisico con alcuni altri tipi di tempo. I tipi di tempo entro i quali vengono misurati i periodi tra le riapparizioni di una determinata porzione di un committente e che devono coincidere sono di quattro tipi. Ogni tipo di tempo ha divisioni e queste hanno di nuovo suddivisioni. Ciò che qui viene chiamato vagamente tempo fisico intende indicare quattro suddivisioni del tempo sul piano fisico del mondo fisico, vale a dire ciò che si applica alla materia nei quattro stati. Poiché il tempo fisico è il tempo sul terreno comune, la coincidenza è il fattore determinante.

A proposito del tempo gli esseri umani generalmente non sanno nulla, tranne la loro esperienza cosciente con il cambiamento delle masse delle unità del sole, della luna e della terra nelle loro relazioni reciproche. Il tempo, rappresentato da un calendario, significa per gli esseri umani eventi prodotti dal cambiamento nella relazione di queste masse di unità, come giorno, notte, mese e anno. L'uomo usa questi fenomeni naturali mutevoli perché sono regolari e producono le stagioni, come segni per misurare i flussi fluenti degli eventi nella sua vita: semina, mietitura, veglia, sonno, passato e futuro, vicino e lontano. La sua percezione del tempo dipende dai suoi quattro sensi, principalmente vista, incatenati al corpo fisico. Pertanto, la sua percezione del tempo è limitata ai fenomeni più esterni che si verificano sul terreno comune dove il tempo come relazione oggettiva è lo stesso per tutti gli esseri umani.

I quattro tipi di tempo della natura sono il tempo nel mondo della luce, il tempo della luce; tempo nel mondo della vita, tempo della vita; tempo nel mondo della forma, tempo della forma; e il tempo nel mondo fisico. Del tempo nel mondo fisico l'umanità percepisce solo il tempo sul piano fisico. In ogni mondo le unità o le masse di unità sono diverse, le loro relazioni sono diverse e le unità o le masse dominanti con le quali vengono fatti e possono essere misurati i cambiamenti nelle relazioni, sono diverse.

Ciò che appare come il sole è un punto focale nello strato arioso del piano fisico del mondo fisico, e focalizza la materia che vi entra dagli strati infuocati, ariosi, acquosi e terrosi sopra e nello strato terrestre. Fa precipitare questa quadruplice materia con l'aiuto della luna sulla crosta terrestre esterna. La luna è solida e fluida, non solida come la crosta terrestre, ed è una massa o un corpo nello strato acquoso. Scherma, filtra, magnetizza, smagnetizza, modifica e regola la materia che scorre dal sole alla crosta terrestre e dalla crosta terrestre al sole. Queste due masse dominanti influenzano le unità e le masse di unità sul piano fisico. Il sole lavora con il cuore e i polmoni, la luna con i reni e le ghiandole surrenali, la terra con gli organi sessuali, per tutto il respiro. Tutte le unità sono influenzate su quel piano dal sole, dalla luna e dalla terra.

Non c'è sole, né luna né terra nel mondo della forma o nel mondo della vita o nel mondo della luce. Le stelle non sono nel mondo della forma, ma sono ai confini e segnano i limiti del piano fisico percepibile e del piano della forma del mondo fisico.

Il tempo negli altri mondi non può essere misurato dalle masse che compongono il tempo fisico. Ma ci sono unità dominanti o masse di unità negli altri mondi che formano il tempo, il tempo di vita e il tempo di luce, ma il tempo di luce è solo sul piano fisico del mondo di luce. Esistono relazioni e persino analogie tra il tempo fisico e le varie suddivisioni del tempo sugli altri piani del mondo fisico e del tempo negli altri mondi. Sebbene esistano queste molte suddivisioni o varietà del tempo naturale, solo alcuni aspetti di quattro varietà, vale a dire di quelli sul piano fisico, possono attualmente essere percepiti dagli autori esistenti. Durante un'esistenza varie suddivisioni del tempo coincidono. Esse coincidono non solo tra loro, ma anche con cambiamenti o occorrenze nel soggetto.

Quando l'agente è nel corpo e cosciente sul piano fisico come un essere umano, misura tutte le cose in base al tempo fisico, al sole, alla luna e alla terra. Quando viene interrotto dal sonno o dalla morte dal piano fisico, continua a sperimentare il tempo della natura, ma non solo come questo tempo fisico. Quindi può sperimentare il tempo anche come tempo terrestre o tempo di acqua o tempo di aria o tempo di fuoco sulla forma, sui piani di vita e di luce del mondo fisico, o come tempo di forma, raramente come tempo di vita e quasi mai come tempo di luce. Pensieri, desideri e la forma del respiro sono i fattori che prendono il posto del sole, della luna e della terra e sono i mezzi per misurare. L'umano percepisce il tempo della natura attraverso i quattro sensi dopo la morte, purché i sensi e la forma del respiro siano con lui.

Non c'è tempo nel Sé Triune. Ma c'è tempo per l'autore del Sé Trino quando è incarnato. I cambiamenti nell'agente, sebbene incarnati, non sono misurati dal tempo ma dalla realizzazione. Gli eventi nel colpevole portano a compimento; la realizzazione è il risultato di cambiamenti nel comportamento. Questi cambiamenti sono nel colpevole, non nel pensatore e non nel conoscitore, che non sono interessati. I fattori che portano a cambiamenti nel comportamento sono il sentimento e il desiderio. Esse provocano questi cambiamenti attraverso il loro atteggiamento nei confronti della natura attraverso l'uso delle loro tre menti. Questi cambiamenti sono sperimentati dall'agente nell'atmosfera psichica, dove influenzano non solo la parte esistente dell'autore, ma anche le parti inesistenti. I cambiamenti avvengono principalmente tra il desiderio di conoscenza di Sé e il desiderio di sesso e sono registrati nell'atmosfera psichica.

Durante il periodo successivo alla morte, i quattro tipi di tempo della natura sono disposti in modo da coincidere con la realizzazione, vale a dire il risultato nell'azione prodotta nell'ultima vita terrena.

Prima che possa sussistere una nuova esistenza, le varie suddivisioni del tempo della natura diverse dal tempo fisico devono coincidere con la realizzazione nell'agente e tutti insieme devono coincidere con il tempo fisico e con il luogo e la condizione.

Inoltre, deve essere possibile continuare questo allineamento del tempo per tutta la vita del corpo fisico. La coincidenza delle varie volte oltre al tempo fisico ha luogo mentre l'umano risolve nel dopo la morte afferma ciò che deve attraversare. Quando la parte che agisce è pronta per un'esistenza, aspetta dopo la sua eternità in cielo, in un sonno beato. Quando il tempo fisico, la condizione e il luogo coincidono con ciò che è predestinato, quella parte del colpevole riappare.

La sincronizzazione dei diversi tipi di tempo con la realizzazione nell'agente viene fatta dal pensatore. Il colpevole passa necessariamente attraverso il suo inferno e il suo paradiso e alla fine ci sono stati sincronizzati e adattati attraverso il pensatore e il conoscitore, i tipi di tempo nei quattro mondi della natura al raggiungimento dell'atmosfera psichica.

In che modo la maggior parte delle persone sembra adattarsi perfettamente all'età in cui vivono, anche se le altre parti degli attori devono essere incarnate prima che il loro stesso termine ritorni e la lingua e le professioni possano essere cambiate nel frattempo? Il motivo è che chi ha compiuto tutte le esperienze e le ha ripetute più volte. Pertanto, un essere umano non deve provenire da un passato e da una località recenti per adattarsi al suo posto in questo momento. La facilità di alcuni nell'uso di una lingua, la prontezza con cui alcuni afferrano le scienze e le loro moderne applicazioni, la straordinaria capacità di alcuni di gestire grandi imprese nel governo, nella guerra o nel commercio, non indicano che questi risultati sono continuazioni di un recente passato. Né la stupidità, l'imbarazzo e l'ignoranza indicano che la parte del colpevole era carente durante l'esistenza precedente.

Nulla in termini di raggiungimento o assenza di risultati è la prova o l'indicazione che l'essere umano aveva o non aveva poteri in passato. Le capacità e le capacità degli esseri umani dipendono dall'uso delle loro tre menti; tutte le persone che avevano avuto il controllo di tutte e tre le volte in passato, e la maggior parte di loro ha perso il controllo.

Il mondo in cui vivono gli esseri umani degli autori è un gioco di ombre e illusioni, che dura da milioni di anni. La commedia è una farsa per il Sé Triune. È una farsa perché non c'è tempo nel Sé Trino. Fine e inizio sono una cosa sola; e anche per chi lo fa non c'è nulla di nuovo, perché ha avuto tutte le esperienze possibili. È ridicolo che la cosa da cui gli uomini dipendono maggiormente per la certezza sia una delle cose più illusorie per il Sé Trino, cioè il tempo.