La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 21 LUGLIO, 1915. No. 4

Copyright, 1915, di HW PERCIVAL.

FANTASMI NATURALI

ALCUNI chiaroveggenti possono vedere le fate, ma i chiaroveggenti di solito non le vedono. Il motivo è che i chiaroveggenti sono per lo più troppo preoccupati di interessi sordidi e cercano di trasformare questo dono in qualche vantaggio personale. Alcune delle cose necessarie per vedere gli sprite della natura sono una disposizione naturale e la freschezza dello spirito; ma l'interesse personale uccide questi doni. Le persone possono passeggiare nei boschi alla luna piena o da un luogo nascosto a guardare una fata glen, e tuttavia non vedono mai una fata. Le fate possono essere viste solo quando desiderano essere viste o quando si sa come evocarle. Le fate non sono esseri celesti.

Mentre alcune affermazioni che sono state fatte da persone che hanno visto e talvolta conversato con esseri celesti sono fraudolente e sono avanzate per uno scopo ulteriore, e mentre alcune di tali affermazioni sono dovute a costituzioni disordinate e morbose e sono fatte senza, tuttavia, un intenzione di mentire, ci sono ancora molti casi in cui gli esseri celesti sono stati visti e hanno dato benedizioni e istruzioni agli esseri umani. È improprio ridicolizzare il rapporto di tali visioni a meno che la falsità della dichiarazione sia nota a coloro che ridicolizzano. Vedere o ascoltare gli esseri celesti può essere dovuto a una delle tante cause. Tra tali cause vi è la mancanza di colui che le percepisce, del coordinamento del suo corpo fisico con il suo elementale umano, o uno stato di trance dei suoi sensi e della sua mente, causato da cause fisiologiche o psichiche, come una caduta, o la ricezione di notizie improvvise; o la causa può essere vivida fantasia, o può essere un lungo rimuginare sull'argomento degli esseri celesti, o può essere un sogno. Inoltre, la visione può essere determinata dall'iniziativa di un essere celeste.

Gli esseri celesti, propriamente parlando, appartengono alla divisione degli elementali superiori. Se si vede un tale essere, il pensiero del veggente è che è stato portato in cielo o che un angelo dal cielo o una figura simile lo hanno visitato. Le idee del cielo, degli esseri celesti, i messaggeri di Dio, dipendono tutte dalle idee che il veggente ha della propria religione. Le interpretazioni che dà alla visione sono secondo i termini della sua religione e l'educazione o la mancanza di educazione della sua mente. Pertanto la Vergine Maria che tiene in braccio Gesù Cristo o senza di essa, o San Pietro, o cherubini e serafini, o speciali santi patroni locali, partecipano alle visioni dei cattolici romani; ma i protestanti e altri non cattolici, se vedono visioni, vedono Gesù, arcangeli o angeli minori; e gli indù vedono uno dei Trimurti, Brahma-Vishnu-Siva, o vedono Indra, o una qualsiasi delle migliaia di esseri celesti, ghandharva, adytias, marut, maha-rishi, siddha, di cui la loro religione li informa; e le visioni che gli indiani nordamericani hanno del Grande Spirito e di altri spiriti indiani. Laddove un uomo o una donna ha una visione di un tale essere celeste nella forma di San Pietro, o un apostolo o un santo, l'apparizione è vista per uno scopo che di solito riguarda il benessere di molti. L'essere di solito ha la forma dell'apostolo o del santo o dell'angelo che occupa il posto più alto nei pensieri del veggente. Tali esseri sembrano avere uno scopo e impressionano così colui al quale è presentata l'apparizione. Tali apparizioni non sono comuni e non erano comuni nemmeno ai giorni in cui le apparizioni erano più comuni di quanto lo siano ora. Un caso notevole di tali apparizioni furono quelli visti da Giovanna d'Arco.

Vedere apparizioni di santi o esseri celesti può causare l'apparizione di alcuni segni sul corpo del veggente. Il corpo assume le stimmate di quello visto. Quindi, se si vede la figura di Gesù crocifisso o come appariva a Tommaso, il corpo del veggente può essere contrassegnato con ferite in punti corrispondenti alle parti ferite mostrate dall'apparizione che si ritiene essere Gesù. In questo modo sono state causate stimmate sulle mani e sui piedi e sul lato e una fronte sanguinante.

I segni possono essere prodotti dal vedere una figura reale invocata dall'intenso pensiero del veggente, oppure possono essere prodotti senza un'apparizione ma semplicemente dal quadro tenuto fortemente dal vedente della visione nella sua mente, e che suppone essere un'apparizione. In entrambi i casi, i segni sono prodotti dall'azione della mente del veggente sul suo fantasma fisico (astrale o forma-corpo). Quando la mente sente le ferite e i dolori, l'immagine è impressa sul fantasma fisico e, una volta marcata sul fantasma fisico, apparirà ovviamente sul corpo fisico, poiché si adatta alla forma astrale e al prototipo.

Qualsiasi fantasma della natura può apparire e scomparire da un uomo quando gli piace. L'uomo non capisce perché dovrebbe apparire o scomparire senza conoscere la causa, e quindi crede di essere stato soggetto ad un'allucinazione quando vide un fantasma della natura.

I fantasmi della natura devono apparire e possono scomparire solo in determinate condizioni definite, che sono naturali come le condizioni fisiche, come quelle che permettono di sollevare un peso. Per apparire, un fantasma della natura deve introdurre il suo elemento nella nostra atmosfera, e quindi può apparire nel suo elemento, oppure l'uomo deve introdurre la sua atmosfera nell'elemento del fantasma della natura e deve stabilire una connessione per il suo rispettivo senso, e poi il fantasma della natura sarà visto o sentito parlare. La persona che nota l'aspetto, non vede l'elemento del fantasma della natura sebbene veda il fantasma. Non appena l'elemento viene ritirato o tagliato fuori dalla linea di visione, il fantasma scompare. Se la linea di visione non è connessa con l'elemento del fantasma, nessun fantasma di quell'elemento può essere visto, sebbene ne possano essere presenti miriadi, poiché i fantasmi sono sensibili all'uomo solo quando è connesso al loro elemento.

Uno dei motivi per cui l'uomo non può percepire i fantasmi della natura è che i suoi sensi sono in armonia con le superfici. Vede in superficie, sente in superficie, può annusare e assaggiare solo la superficie. Un uomo suppone di poter vedere attraverso l'aria, ma non lo fa. Non riesce nemmeno a vedere l'aria, tutto ciò che può vedere sono le superfici delle cose che appaiono nell'aria. Suppone di poter sentire i suoni, ma può semplicemente sentire le vibrazioni della materia grossolana nell'aria. Quando vede l'interno delle cose, le loro superfici scompaiono. Non riesce a vedere l'interno mentre il suo senso è focalizzato sulla superficie, come sempre. Per percepire i fantasmi della natura, un uomo deve cambiare il focus dei suoi sensi dalle superfici agli interni. Quando si concentra lontano dalla superficie, la superficie dell'oggetto scompare e l'interno verrà rilevato. Per vedere un elementale, l'uomo deve vedere nell'elemento di quel fantasma. Quando l'uomo percepisce attraverso il fisico e il fisico è costituito dai quattro elementi, tutti e quattro gli elementi sono necessari affinché l'uomo percepisca un fantasma. Sia che il fantasma sia un fantasma del fuoco, o un fantasma dell'aria, o un fantasma dell'acqua o un fantasma della terra, l'uomo può percepirlo attraverso chiunque o tutti i suoi sensi, a condizione, tuttavia, che possa focalizzare i suoi sensi all'interno dell'elemento del fantasma. Quindi un fantasma del fuoco può essere visto nella sua stessa luce e tutti gli altri oggetti possono scomparire. Un fantasma aereo può essere visto senza nessun altro oggetto, ma un fantasma acquatico, quando visto, sarà sempre visto nel vapore o nell'acqua e un fantasma terrestre sarà sempre visto in connessione con la terra. Un fantasma del fuoco è di solito percepito dalla vista, ma può anche essere sentito, odorato o sentito. Un fantasma aereo è sentito naturalmente, ma può essere visto e sentito. Un fantasma d'acqua può essere visto e udito, così come un fantasma della terra. La loro percezione da parte dell'uomo non si limita al senso elementale in lui a cui corrisponde l'elemento del fantasma esterno, altrimenti un fantasma del fuoco può essere visto solo e non sentito, e un fantasma aereo può essere ascoltato solo ma non visto. Ogni senso chiama gli altri in suo aiuto, ma nessun fantasma può essere percepito, a meno che il corrispondente senso elementale nell'uomo non sia focalizzato sul fantasma.

Quando uno suppone di vedere un fuoco, non sta vedendo il fuoco; sta vedendo i colori nell'aria causati dalla fiamma. Quando uno suppone di vedere la luce del sole, non vede la luce del sole; il suo occhio riposa sugli oggetti che la luce del sole rende visibili. Finché la sua vista è focalizzata sugli oggetti che sono fisici, non può vedere gli oggetti che possono essere all'interno della fiamma, né può vedere gli oggetti nella luce solare stessa. L'occhio è sempre catturato e focalizzato da oggetti fisici; quindi gli oggetti che non sono fisici non sono visti. Nessuno cerca oggetti che non si aspettano di vedere.

Ancora una volta, l'uomo non può sentire il suono, perché il suo orecchio è allenato e focalizzato sulle vibrazioni grossolane dell'aria. Ci sono sempre vibrazioni dell'aria e quindi il suo udito elementale viene catturato e focalizzato sulle vibrazioni che sono più evidenti. Pertanto l'uomo non può sentire il suono, che non è vibrazione. Se riesce a focalizzare il suo udito sul suono, tutti i movimenti vibratori scompaiono e percepirà il suono e gli elementali dell'aria.

L'uomo suppone che vede l'acqua e che assapora l'acqua, ma non vede né assaggia l'acqua. L'acqua è essenziale per il gusto; cioè, la funzione attiva dell'acqua elementale in lui è ciò che l'uomo chiama il suo senso del gusto; ma non assaggia l'acqua. Assaggia solo i cibi o i liquidi che l'acqua gli consente di assaggiare. Eppure c'è nella combinazione di gas che chiamiamo acqua, un gusto distinto. Se potesse focalizzare il suo gusto elementare sul gusto nell'acqua, allora percepirebbe gli elementali dell'acqua nell'elemento acquoso, otterrebbe i sapori essenziali negli alimenti e sperimenterebbe un gusto abbastanza diverso quando tocca il cibo, rispetto al gusto grossolano da cui ora riceve mangiare e bere.

L'uomo tocca e vede la terra, ma non è così che la terra deve essere conosciuta essenzialmente. Deve essere conosciuto attraverso l'elementale in lui che agisce come il suo senso dell'olfatto. Ogni oggetto sulla terra ha un odore distintivo. Questo odore è causato dalle emanazioni degli elementali della terra attraverso e dagli oggetti. Queste emanazioni formano un'aura attorno all'oggetto. Quando l'aura dell'uomo entra in contatto con quell'aura, l'oggetto può essere annusato, ma non sempre viene annusato. Se riesce a focalizzare il suo senso dell'olfatto, non sugli odori fragranti o spiacevoli, ma sull'aura delle emanazioni dell'elemento terra, allora l'oggetto grossolano scomparirà e la percezione acquisita da lui attraverso l'azione della terra elementale in lui , che ora chiama il suo senso dell'olfatto, rivelerà questa terra fisica come un'entità ed essendo completamente diversa da quella che ora - basandosi sulle informazioni derivate dal suo vedere e toccare le superfici - crede che la terra sia.

Come l'uomo ora vede solo le superfici può essere compreso considerando che non vede l'acqua; ne vede semplicemente la superficie. Che si tratti di acqua in un lago o di acqua in un bicchiere, entrambi sono invisibili. Sulla superficie del lago si vedrà solo l'azione della luce o il riflesso degli alberi circostanti e il cielo sopra di loro. L'acqua stessa non si vede. Mentre l'occhio è focalizzato sulle sfumature e sui colori della superficie increspata, non si vede nulla nell'acqua. Non appena la vista è focalizzata sotto la superficie, non appena uno guarda nell'acqua, non vede più la superficie, ma il suo occhio si concentra su qualunque oggetto possa trovarsi in quell'acqua, e di nuovo vede oggetti, questa volta in l'acqua; ma non vede l'acqua. In un bicchiere si vede la superficie dell'acqua, nient'altro che la superficie. O si vede il riflesso della luce sulla superficie e la linea in cui l'acqua entra in contatto con il vetro o, se l'occhio è focalizzato sul fondo, non si vede ancora l'acqua, ma solo il fondo del vetro.

L'uomo non può nemmeno vedere l'elemento in cui si trova lui stesso. Non riesce a vedere l'elemento della terra. Non riesce a vedere la propria atmosfera fisica o l'atmosfera della sua terra. È un po 'come un animale di mare profondo in grado di strisciare solo sul fondo dell'oceano, ignorando ciò che è sotto e sopra di lui. La luce e i regni dell'aria, la vastità dell'acqua e i regni della terra sono abitati da esseri che non vede e non conosce. Tuttavia, li conoscerà quando la leggera divisione viene rimossa focalizzando i suoi sensi - gli stessi elementali sensoriali che ora lo servono e lo limitano - negli elementi.

(Continua.)