La fondazione di parole

PENSIERO E DESTINO

Harold W. Percival

CAPITOLO IV

FUNZIONAMENTO DELLA LEGGE DEL PENSIERO

Sezione 5

Come vengono realizzate le esteriorizzazioni di un pensiero. Agenti della legge. Affrettare o ritardare il destino.

Queste difficoltà, che ostacolano le esteriorizzazioni di un pensiero, sono risolte in modo meraviglioso da un corretto smistamento delle successive esteriorizzazioni di ogni pensiero in eventi, che appaiono in modo ordinato secondo determinate leggi che governano la condotta della materia fisica. La certezza del funzionamento di queste leggi, come quelle della chimica, della fisica e della procreazione, crescita, malattia, morte e decadimento dei corpi organici, non viene interferita; in verità queste stesse leggi sono sottomesse alla legge del pensiero.

Lo smistamento è effettuato da agenti della legge. Ogni essere è un agente della legge, ma non tutti gli esseri sanno che lo è. Questi agenti possono essere elementali, unità naturali del lato natura; o potrebbero essere dalla parte intelligente; questi vanno dall'Intelligenza Suprema della sfera della terra, attraverso Intelligenze inferiori, a Sé Trino, fino all'essere umano nel corpo dell'essere umano più basso.

Tra gli agenti coscienti ci sono tre ordini di intelligenze, chiamati rispettivamente Desirers, Thinkers and Knowers (Fig. VC); poi ci sono Triune Selves che non hanno ancora raggiunto lo stadio di un'Intelligence. Oltre a questi ci sono autori di Triune Selves che possono avere molte debolezze, ma a volte sono consapevoli di avere parti definite da prendere e cose da fare, nella vita pubblica e privata. È probabile che tali uomini nella vita pubblica fossero William Penn, Benjamin Franklin, Alexander Hamilton, Abraham Lincoln, Theodore Roosevelt, Voltaire, Napoleon, Disraeli e Lord Shaftesbury; nella vita privata, uomini come Emerson e Kerning sono probabilmente stati agenti consapevoli dei loro Sé Triune.

Poi ci sono gli agenti inconsci della legge, sia disposti che non disposti. L'inconscio ma disposto sono quelli che desiderano fare il bene, come Lutero; i riluttanti sono coloro che cercano se stessi e non vogliono fare altro che ciò che serve al loro interesse e al loro scopo, come Riccardo III o Enrico VIII. Di nuovo tra questi agenti ce ne sono due tipi, pigri, pigri e come quelli che sono effettivamente e attivamente disposti a fare il male.

Tutti questi agenti, sia consci che inconsci, occupano le loro posizioni perché li hanno guadagnati pensando. I creatori di Triune Selves azionano il meccanismo; gli agenti inconsci ne formano la parte umana e vengono usati per i fini della legge del pensiero mentre stanno realizzando i propri piani. Gli agenti inconsci oltre che coscienti hanno sempre una scelta su cosa faranno e cosa non faranno. Nerone, Attila, Pizarro, Genghis Khan e la schiera di crudeli despoti erano agenti della legge come destino; così è un borseggiatore che afferra una borsa e un assassino che colpisce il suo colpo. Agiscono tutti per realizzare i propri piani, sconsiderati degli altri. Come questi sono parti delle macchine della legge. Ciò non significa che meritino alcun credito, o saranno scusati per il furto, la corruzione o l'uccisione. I loro motivi e desideri sono usati nell'amministrazione intelligente, così come una tigre che divora un bambino o una sega che ferisce un lavoratore.

Gli esseri dal lato della natura che sono agenti della legge sono nei quattro elementi della sfera della terra. Gli esseri nella parte non manifestata dei mondi di solito non si manifestano e si relazionano con l'uomo. Sono chiamati elementali superiori, per distinguerli dagli elementali, grandi e piccoli, nella parte manifestata dei mondi.

Questi elementali superiori sono chiamati angeli, arcangeli e sovrani sui quattro elementi. Per loro il piano dei mondi è delineato da Sé Triune completi sotto il Grande Sé Triune dei mondi; e gli elementali superiori danno indicazioni per essere eseguiti dal inferiore. Esiste il Grande Sé Triune dei mondi presente nei non manifestati e nei manifestati, che mantiene in unità e relazione tutti i Sé Triune completi che agiscono nei mondi. Gli elementali superiori sono chiamati in esistenza da Sé Triune completi; sono puri, non contaminati dalla lussuria o dall'ambizione del mondo. Rispondono perfettamente al Sé Triune completo che adorano ma che non riescono a percepire. Gli elementali superiori servono allo scopo di questi Sé Triune per controllare gli dei elementali; sono gli intermediari e i messaggeri per loro dal Sé Triune completo. A congiunzioni speciali di cicli nella storia della razza umana, gli elementali superiori, uno o più, possono apparire a un individuo o ad un numero di persone, per emettere un ordine per gli esseri umani come provenienti dal Dio della religione particolare questi gli umani ci credono. In certe crisi della storia di una nazione, questi messaggeri elementali possono apparire e cambiare il corso degli eventi.

Sono gli unici esseri della natura che cadono sotto la luce di un'intelligenza, senza esseri umani come truffatori. Differiscono dagli autori in quanto agiscono assolutamente secondo il volere della Luce e non possono usare la Luce per se stessi. Sono e non possono essere altro che messaggeri della Luce.

Gli elementali inferiori sono di quattro gruppi, chiamati elementali causali, di portale, di forma e struttura, tutti nella parte manifestata della sfera della terra, ogni gruppo con al suo interno elementali di fuoco, aria, acqua e terra. Gli elementali causali appartengono alla creazione e portano in vita tutte le cose e le distruggono; sono la causa del cambiamento nelle sostanze e nelle strutture. Gli elementali del portale agitano le cose in natura e mantengono uno stato di costante circolazione in tutte le cose. Gli elementali della forma tengono insieme le cose come sono in natura visibile. Questi tre gruppi fanno tutto in natura visibile, ma non possono essere visti. Fanno il loro lavoro nelle strutture costruite dal quarto gruppo. Gli elementali della struttura, nella loro massa, sono le forme apparenti delle cose. Sono i costruttori e la struttura dell'universo visibile. Rendono le cose solide. Sono superfici. Con queste descrizioni sono mostrate alcune attività degli elementali inferiori. E ogni elementale è un'unità naturale dell'elemento a cui appartiene.

Tutte le cose materiali vengono prodotte, mantenute, modificate, distrutte e riprodotte dagli elementali di questi quattro gruppi. La forza-materia della sfera della terra è sotto il dominio del grande Spirito elementale della Terra; e sotto di esso ogni elemento è sotto il dominio di un grande Dio elementale, il Dio del Fuoco, il Dio dell'Aria, il Dio dell'Acqua e il Dio della Terra, che non sono citati in nessuna religione e non sono adorati. Sotto ognuna di queste divinità ci sono esseri elementali nelle gerarchie, in e del dio dell'elemento, diminuendo di potere dal più grande all'infinitesimale. C'è il grande Dio del Fuoco, che può causare il consumo della crosta terrestre da parte del fuoco, e c'è l'elementale di un bacillo di febbre, appartenente a una delle sue gerarchie. Tutte le operazioni della natura sono svolte dagli elementali sotto i loro sovrani che ricevono il piano dagli elementali superiori sotto la direzione di un'Intelligenza della sfera della terra. Queste operazioni sono guidate da un'Intelligenza secondo il piano definito generale. Quindi gli elementali portano soccorsi, incidenti, malattie, successo, denaro e litigi agli individui e calamità generali, tempeste, terremoti, carestie, epidemie e periodi di opulenza.

Un pensiero emesso entra in contatto con gli elementali nel mondo della vita. Il suo suono senza suono colpisce alcuni di loro nel suo piano e lì ci vuole vita. Quindi il pensiero suona nel mondo della forma. Lì gli elementali gli danno forma. Quindi arriva al mondo fisico, dove i quattro ordini di elementali della terra iniziano a dare materialità alla sua forma. Gli elementali che danno questa fisicità sono elaborati attraverso il corpo umano. Gli inizi sono fatti sul piano della luce attraverso il cervello che evoca e attira la materia radiante e astrale. Quindi il cuore e i polmoni, sul piano vitale, lavorando con il cervello, si legano e trasformano le particelle di materia radiante in ariose. I reni e le ghiandole surrenali, sul piano della forma, trascinano la materia ariosa nello stato fluido e la trattengono così. Infine, gli organi del sistema digestivo consolidano la materia fluida nello stato cellulare o solido. La forma del respiro, attraverso il respiro, organizza e coordina questi meccanismi e i loro effetti in modo da produrre la fisicità del pensiero, che verrà esternalizzata successivamente alla congiunzione di tempo, condizione e luogo come un atto, un oggetto o un evento . Questo è vero dove è attivo il pensiero di un solo uomo, così come i pensieri di migliaia sono coinvolti nell'esteriorizzazione. In questo modo tutto nel mondo fisico è realizzato. Ogni struttura che viene costruita, ogni istituzione che viene fondata, ogni legge che viene emanata, tutti gli eventi nella vita pubblica e privata, sono così esteriorizzati.

Tra i pensieri disponibili, alcuni sono selezionati per apparire nella forma, altri spesso contribuiscono a ciò. La selezione di quale atto è prodotto fisicamente non può essere fatta dagli elementali, perché nessuno di loro è intelligente. La selezione viene effettuata da Sé Triune completi secondo la legge e secondo le possibilità permesse dalle limitazioni di tempo e luogo e delle condizioni esistenti, e alla loro congiunzione gli elementali eseguono le offerte dei Sé Triune, e in questo modo successive gli atti si adattano e si sviluppano naturalmente dalle condizioni esistenti.

Ogni uomo ha accumulato molti pensieri a cui non è stata data forma, e molti altri hanno forma e si affollano sul piano fisico ma non hanno ancora ricevuto espressione fisica. I Sé Triune che amministrano la legge e mettono in ordine di esternalizzazione gli effetti, devono trattenere sul piano radiante-fisico molti atti ed eventi che appariranno quando luogo, tempo e condizioni lo permetteranno.

Un uomo accelera o pospone l'esternalizzazione dei suoi pensieri passati con il suo atteggiamento mentale generale e il suo preciso atteggiamento mentale rispetto a un certo corso d'azione. Tutte le cose che si adattano a quel corso sono tratte dal fatto che siano state trattenute per un lungo o breve tempo. Il suo pensiero e la sua recitazione rendono il tempo, il luogo e le condizioni per gli eventi che stanno per accadere a lui. Può rimandare l'esternalizzazione dei suoi pensieri cercando di scongiurare eventi che minacciano conseguenze naturali, così come è in grado di rimandare un processo in tribunale o un appuntamento per incontrare un creditore. Può rimandare pianificando, ma sebbene un uomo possa rimandare gli eventi a venire, non può evitarli per sempre. Se riesce a posticipare ciò che è spiacevole per lui, interferisce con il Sé Triune che organizza le azioni degli elementali e che vede l'arrivo degli eventi nella giusta congiunzione di tempo, luogo e condizione. Se ha successo, si accumulano molte delle condizioni che gli sono dovute. La tendenza dell'energia accumulata è di aumentare la loro pressione. Più a lungo continua ad accumulare, maggiore è la pressione, fino a quando alla fine possono essere disturbati vasti poteri elementali, che reagiscono su di lui e lo costringono a fare un'apertura attraverso la quale il destino accumulato si riverserà su di lui.

Ognuno conosce il proprio destino quanto è necessario. È sua fortuna che non ne sappia altro, perché la conoscenza di cose spiacevoli che stanno per accadere potrebbe impedirgli di svolgere il suo dovere attuale e la conoscenza di cose piacevoli a venire potrebbe indurlo a trascurarlo. Tutto ciò che è necessario per conoscere è il suo dovere attuale. Può sempre saperlo se lo desidera. Il dovere è quella parte del suo destino selezionata dal suo Sé Trino da tutto il suo passato, che dovrebbe eliminare nel presente. Il suo Sé trinitario radunò il suo passato e il presente e parte del suo destino futuro in modo che tutti e tre converessero nel dovere del momento presente. Se uno rifiuta di fare il proprio dovere, lo rimanda semplicemente; deve essere eseguito da lui in tempo. L'esecuzione del dovere apre la strada ad altri doveri che conducono a campi più ampi. Quindi lo svolgimento volontario del dovere gli permette di vedere i suoi doveri più chiaramente e di venire più sotto la Luce dell'Intelligenza.