La fondazione di parole

PENSIERO E DESTINO

Harold W. Percival

CAPITOLO IX

RE-ESISTENZA

Sezione 11

I pensieri riassunti al momento della morte. Eventi determinati allora, per la prossima vita. La fiammata nella Grecia classica. Qualcosa sugli ebrei. Il marchio di un dio alla nascita. Famiglia. Il sesso. Causa di cambiare sesso.

I fattori che influenzano il nuovo essere umano durante la sua vita sono di due classi. In una classe ci sono alcuni dei pensieri della parte del committente ora incarnati che aveva avuto nella sua vita precedente; nell'altro sono pensieri della vita presente. I pensieri di una vita sono sommati alla morte come pensiero dominante. Il riassunto è così alla fine di un libro o i totali di un'azienda alla fine di un anno. I pensieri sommati della vita passata formano un programma impreciso per la vita successiva. Alcuni dei suoi incidenti sono determinati definitivamente, altri sono aperti.

Al momento della morte, tutti i pensieri e gli atti della vita passata sono rivisti e compresi dalla parte che agisce in partenza, che conferma così il pensiero dominante. In tal modo vengono risolti gli incidenti eccezionali e alcuni degli incidenti minori della vita futura. Questi destini irrevocabili sono diventati tali sia attraverso il pensiero persistente e il desiderio per loro, sia perché sono pensieri le cui esternalità di cui il destino non può più essere rinviato, o perché sono continuazioni di condizioni, per lo più oppressive, a cui ci si è sottomessi indolenti senza uno sforzo sufficiente per uscirne. L'avvento di questi eventi è diventato gradualmente predestinato nel corso della vita passata, e al momento della morte l'autore li riconosce e si lega.

Tra gli eventi determinati al momento della morte come preordinati per la prossima vita della stessa porzione di colpevole sono il momento in cui inizierà quella vita, la razza, il paese e la nazionalità, il tipo di famiglia in cui nascerà il corpo, il sesso, il tipo di corpo, l'eredità fisica, le maniere intrinseche, le principali occupazioni mondane, malattie particolari, alcuni incidenti, gli eventi critici e il tempo e la natura della morte. Questi inevitabili avvenimenti sono segnati sull'aia e sono, specialmente dove sono coinvolti con le azioni di molti o molti, schierati nel luogo e nel tempo fisici dagli elementali superiori sotto la direzione delle Intelligenze e dei Sé Triune completi.

Alla morte del corpo sono determinati l'inizio e la fine della prossima vita sulla terra. Ciò non significa che l'ora, il giorno e l'anno siano fissati secondo i calcoli di qualsiasi calendario terrestre. Il tempo misurato da un calendario non si applica all'autore. Il tempo si applica alla natura. C'è il tempo che cambia le unità o le masse di unità nella loro relazione reciproca. La sequenza dei cambiamenti nell'agente è misurata dalla realizzazione. Esiste una relazione tra il tempo della natura e la realizzazione di cambiamenti nel comportamento. L'arrivo alla realizzazione coincide con una data nel calendario terrestre. Ciò significa che gli eventi predestinati devono essersi verificati prima che possa avvenire la morte e che un certo corso deve essere stato completato dalla parte del committente prima dell'inizio della vita successiva.

La razza, il paese, la nazionalità e la religione sono predestinati. Le linee simboliche sull'aia che sono confermate al momento della morte, richiedono alcune caratteristiche che appariranno nei tratti di una razza e di una nazionalità e attraverso la nascita in un determinato paese. L'egoismo e la pigrizia fondamentali degli esseri umani trovano espressione in diversi sviluppi attraverso razze diverse. Le modalità di sviluppo sono tratti di carattere. Secondo loro gli umani sono raggruppati in razze; questi sono specializzati in nazionalità; e questi ultimi sono modificati dal suolo, dal clima e dall'ambiente. Spesso questi tratti non sono evidenti, tuttavia sono presenti in misura maggiore o minore. In molti periodi le distinzioni non sono così marcate come in altre o si fondono, poiché le differenze sociali sono talvolta mostrate dai costumi e altre volte mancano di questi token. Tuttavia, sotto il livello esteriore, una distinzione interiore persiste nelle razze come negli strati sociali. La razza latina è diversa da quella celtica e semitica. La nascita su una collina, una pianura o sulla riva, in una regione isolata o in una capitale nazionale modifica ulteriormente i tratti razziali e nazionali.

Le persone non hanno desiderato la particolare condizione razziale in cui sono nati. Probabilmente non hanno considerato la questione. Ciò che li ha portati dentro è stata la loro immaginazione della natura, il loro pensiero passivo. Dei probabili effetti di questi non pensavano. L'auto-suggerimento si è sviluppato nel pensiero attivo e che ha lasciato il segno per il futuro sull'aia. Fondamentali per il pensiero erano determinati desideri, sentimenti e desideri. Queste e le modalità della loro espressione sono l'essenza di una razza. Il pensiero in precedenza gettava i desideri in un certo stampo che rappresentava le caratteristiche della razza con le sue specifiche e modifiche. Le linee criptiche sull'aia sono state fatte da quello stampo e sono la prescrizione che gli elementali successivamente elaborano in materia fisica quando costruiscono il nuovo corpo nel paese della sua nascita.

Un fattore che attira il colpevole soprattutto in una razza inferiore o oppressa, sono i pensieri che portano a relazioni sessuali con i membri di quella razza o all'oppressione, alla persecuzione o all'antagonismo personale. Tali resistenze sono generalmente sentite come oppressive e ingiuste, perché le persone non si sentono realmente di razza. Le persone che appartengono naturalmente a una razza o mescolanza derisa sono felici perché appartengono a loro e perché esprimono i loro sentimenti e desideri. A volte uno che ha oppresso o ferito una razza nascerà in essa per espiare gli sforzi per migliorare le sue condizioni. A volte uno il cui antagonismo lo ha portato in una razza è costretto a sentirne i sentimenti e quindi è costretto a mettersi nella posizione che prima non capiva. Le esistenze causate da questi principi retributivi durano fino a quando le persone che ne soffrono non hanno imparato.

Gli autori riescono a esistere in una razza fintanto che i loro sentimenti e desideri e le maniere di esprimerli sono opportunamente esternalizzati nelle peculiarità della razza. Gli autori lasciano una gara quando non consente più loro di esibire questa natura interiore e poi compaiono in una gara adatta. Gli autori che compaiono nei corpi di una razza e di un paese abbandonati sono generalmente di qualità diversa da quelli che precedentemente abitavano nei corpi di quella razza. Questo è uno dei motivi per cui le razze sembrano aumentare e diminuire. Il fatto è che entrano in gioco personaggi di diverso carattere.

Una notevole riacutizzazione di una gara può essere vista nella Grecia classica. Lì uno stock di un periodo antico era caduto in un popolo comune. Ma alcuni di loro avevano la tendenza ad alzarsi. Tra loro apparvero improvvisamente alcuni reesistenti del periodo di gloria preistorica, e fecero la Grecia classica.

Di solito il degrado e il mescolarsi con gli altri causano la scomparsa di nazioni e razze. Le persone che vivono in determinate località sono quindi spesso abbastanza diverse dai loro antenati e appartengono a una razza diversa, anche se sopravvivono caratteristiche e alcune abitudini. Quindi i creatori degli antichi egizi non erano gli stessi di quelli che abitano i corpi ora nati come egiziani. È leggermente diverso con l'India. Le persone che vivevano in corpi nell'antica India hanno in gran parte sospeso le loro esistenze lì e potrebbero non esistere affatto, fino a quando non apparirà una nuova razza per loro. La maggior parte di quelli dell'antica razza che ancora esistono in India si sono ridotti di un egoismo esaltato e quindi, senza la luce del passato, vivono in forme degradate. Ma il popolo indiano è delle stesse razze di quelli che avevano conoscenza. A questo proposito si distinguono dagli egiziani.

Una razza che è sopravvissuta quasi invariata da un passato lontano è l'ebreo. Vive perché i desideri di coloro che vi risiedono esistevano e sono per la terra e le cose della terra. La razza nel suo insieme adora uno degli spiriti della terra come il suo Dio, con più o meno lealtà. Perciò il denaro, le cose di valore e fecondità terrene, insieme al godimento sensuale di esse, sono i suoi frutti dal Dio che adora. I suoi desideri e il pensiero per queste cose sono indivisi. I suoi desideri che convincono il pensiero sono l'adorazione. Altre razze terrestri hanno guardato verso il paradiso e onorano, valorizzano e purezza i fini in se stessi e così hanno diviso i loro desideri e quindi non hanno adorato il dio della terra con tutto il loro cuore, il loro desiderio e la loro mente, come talvolta hanno fatto gli ebrei. Non solo questo dio della terra li ricompensa per il loro culto, ma li vendica. I tratti razziali sono così forti a causa di questa adorazione, che persistono senza un paese razziale e senza suddivisioni nelle solite nazionalità razziali. Gli ebrei prendono la nazionalità di quel paese in cui vivono.

Ciò dimostra che il loro Dio non è più locale come lo sono gli spiriti tribali, ma ha un carattere un po 'universale. Questo spirito ha molte tribù, ma quella tribù che rimane mentre altre scompaiono è quella più vicina alla terra e unica nella sua adorazione delle cose della terra, della procreazione, del denaro e dei beni. Le razze persistono, aumentano o scompaiono secondo i sentimenti, i desideri, gli ideali o le ambizioni delle persone.

A meno che non ci sia una razza in cui entrare, i responsabili non riescono a esistere come razza. Solo qui e ci sono eccezioni da trovare. L'era storica non è quella in cui si possono incarnare i più illuminati. I corpi fisici forniti da una qualsiasi delle razze storiche non sono stati abitazioni adatte. Se dai creatori illuminati si ri-esiste, si trova in un mondo ostile. Un'istanza è quella di Socrate.

Da un lato i sentimenti e i desideri di alcuni autori li predestinano per determinate razze e nazionalità, dall'altro ci sono fantasmi della natura definiti, entità costituite principalmente da uno qualsiasi dei quattro elementi, che tengono i responsabili in queste razze e alla natura e quindi segna i loro corpi alla nascita. Questi fantasmi sono razziali e nazionali. Un esempio eccezionale è il dio ebreo. Traggono la loro forza dal desiderio collettivo di coloro che agiscono, il che dà all'esistenza individuale la materia-natura come una divinità. Questi dei sono perpetuati dalla Luce che ottengono da coloro che agiscono, che lo inviano adorandoli come dei razziali. Spesso questi dei ricevono un culto sacerdotale allo stesso tempo e così si ritiene che siano gli dei di particolari religioni e gli dei di alcune razze. Poiché l'esistenza di questi dei dipende dall'adorazione, dalla credenza, dal desiderio e dal servizio dei facitori di una razza o di una religione, essi mantengono i colpevoli e li sollecitano in tutte le varie condizioni che suscitano sentimenti, stimolano il desiderio e attirano la Luce del Intelligenze dai responsabili.

Anche in tempi storici questi dei sono stati le cause della cupidità e della guerra, della sottomissione e dell'oppressione. A volte i regni dei re e delle oligarchie, a volte un aumento della pigrizia e altre volte conflitti e persecuzioni religiose segnano le attività di questi dei tra gli uomini. Dietro le quinte questi dei vengono creati, cambiati e scompaiono come fanno le razze prima delle scene. Durante la loro vita, che sia lunga o breve, questi dei sono esseri potenti e hanno una presa sulle azioni della loro razza e religione attraverso sentimenti e desideri.

Al momento della morte del devoto umano il pensiero dominante imprime il segno di questi dei sull'aia. Che porta il segno dopo la morte, lo porta alla nuova nascita e lo imprime sulla forma del respiro. Quindi i cattolici e gli ebrei sono contrassegnati alla nascita come appartenenti a una certa religione. Nel caso delle sette protestanti il ​​marchio non è così forte, ma è lì.

Solo il tipo di famiglia, di solito non quello particolare, in cui nascerà il colpevole è predestinato. La religione, la razza e la nazionalità sono conferite dalla nascita in una famiglia che li possiede. Gli antenati offrono un'opportunità per l'allevamento e le buone maniere, se la parte esistente deve averli. Le prime influenze della famiglia influenzano spesso il comportamento e la parola per tutta la vita. Una famiglia per importanza, ricchezza e ideali può fornire opportunità di sviluppo che in un'altra famiglia sono stimolate dalla povertà e dalla responsabilità. Le influenze formative derivano dalla nascita in una famiglia, sia che raggiungano il bambino direttamente nella famiglia o indirettamente attraverso le persone con cui la famiglia lo mette in contatto. Le caratteristiche razziali, nazionali e religiose si distinguono per portamento, maniere, condotta e comportamento generale.

Le tendenze sono sviluppate o impedite dal duro trattamento o dalla gentilezza, come richiedono i simboli della forma del respiro. L'eredità che porta i tratti fisici che sono l'esternalizzazione dei pensieri precedenti del bambino, può venire solo attraverso una famiglia. Una parte della disposizione psichica può essere ereditata in modo simile dagli antenati. La vocazione e le attività nella vita sono spesso strettamente legate alla famiglia in cui nasce la parte che agisce. Un aspetto importante è che la nascita in una determinata famiglia spesso implica l'accesso o l'esclusione da un numero di persone. Di solito la famiglia particolare non è predestinata. Ma è predestinato quando esiste un forte destino legato all'amore, all'odio o al dovere tra gli esseri umani che sono così riuniti come parenti stretti, in modo che coesistano fino a quando ciò che rende la cravatta è logorato. Oppure può darsi che una famiglia abbia caratteristiche che non possono essere trovate altrove e che da sole soddisfano i requisiti della forma del respiro.

Il lato attivo o passivo del sesso è predestinato alla fine della vita, per la vita successiva. Il colpevole non ha rapporti sessuali e la porzione di correttore esistente non ne ha. Il sesso è del corpo fisico e porta con sé la manifestazione di alcune qualità psichiche, così come modifica i contorni generali del corpo come maschio o femmina. Delle dodici parti del committente, sei sono desiderio e sei sentono. Il corpo maschile è caratteristico ed è determinato dal desiderio. Il corpo femminile è caratteristico ed è determinato dal sentimento. Le sei parti del desiderio riemergono successivamente nei corpi maschili. Allo stesso modo, le sei parti del sentimento riemergono nei corpi femminili. Le tre parti del Sé Triune e i tre respiri sono ciascuno attivo e passivo, mentre ogni atmosfera è passiva alla parte e al respiro nell'atmosfera. I tre respiri sono sostanzialmente queste tre parti in azione. Le parti positive e negative di chi agisce come un'entità non sono maschi o femmine, e le loro funzioni non potevano essere distinte in quel modo; tuttavia chi agisce ha entrambi gli aspetti indivisi. I sessi maschili e femminili sul piano fisico sono esteriorizzazioni del pensiero che rappresentano il dominio del desiderio o del sentimento di chi agisce.

Gli organi sessuali mostrano tipi di pensiero, i cui simboli geometrici sono la linea e il cerchio. La linea è un nastro trasportatore e il cerchio un contenitore. Di molte possibili forme fisiche in cui questi simboli potrebbero manifestarsi, appaiono come la colonna maschile e l'ingresso femminile, come la colonna solida e vuota, e come il passaggio nella camera. Pensare in base al sentimento o al desiderio comporta queste modifiche dei tipi universali. Uomini e donne pensano in base al sentimento e al desiderio delle funzioni del loro sesso. Pensare in base al desiderio della funzione del maschio genera un pensiero del sesso maschile, imprime le linee sulla forma del respiro e tende quindi a determinare il sesso maschile. Pensare al sentimento delle funzioni della femmina, genera un pensiero sul sesso femminile, imprime le linee sulla forma del respiro e tende quindi a determinare il sesso femminile.

La causa del cambiamento del sesso nella vita successiva di una porzione esistente si trova nel pensare sottomesso al desiderio e al sentimento del contrario. Il pensiero significativo è di solito graduale ed è fatto in conseguenza di una preponderanza di sentimento o di desiderio. La preponderanza predispone al pensiero in base al tipo corrispondente. Ad esempio, quando il desiderio di chi lo fa prepondererà, il pensiero sarà in accordo con il desiderio delle funzioni del maschio e desidererà una donna come rappresentante il lato del sentimento nel suo respiro psichico e determinerà così il sesso del suo prossimo corpo come maschio. In ogni caso lo sviluppo degli organi sessuali avviene dai reni e dalle ghiandole surrenali.

Sul terreno comune del piano fisico, le parti che si muovono si incontrano nei corpi fisici. Questi corpi sono associati ai sessi. Mentre le parti che agiscono attraversano la vita legata a tali corpi, entrano in relazioni che si concentrano costantemente attorno agli aspetti maschili e femminili dei corpi. In tal modo quei sentimenti e desideri sono stimolati da cui gli esseri umani segnano inconsciamente e determinano le relazioni che esistono tra loro e le porzioni non incarnate. L'umano con il suo falso "io", pensa a temi legati ai sessi. Quasi tutto il pensiero ruota attorno a vestiti, aspetto, denaro, attrattiva, divertimento, società, arte e religione, con uno sfondo dei sessi. La tendenza in tutto ciò è di portare agli esseri umani il sesso che non è espresso in essi. Quando sei parti consecutive del colpevole sono esistite nei corpi maschili, le loro esperienze con il sesso femminile hanno, per gradi, determinato cambiamenti nella relazione dei fattori che determinano il sesso. C'è un graduale cambiamento nei sentimenti e nei desideri, e quando una pressione sufficiente viene esercitata dalle parti non incarnate del colpevole, il pensiero inizia a tracciare linee nette sulla forma del respiro che richiedono un cambiamento del sesso del corpo. Se le linee sono diventate sufficientemente potenti al momento della morte, la parte esistente le riconosce, e un cambiamento di sesso nella sua prossima forma di realizzazione è inevitabile, a condizione che il destino lo consenta.