La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 25 APRILE, 1917. No. 1

Copyright, 1917, di HW PERCIVAL.

FANTASMI CHE NON SONO MAI STATI UOMINI

Tutti i fantasmi agiscono secondo la legge karmica.

Se ciò che è vero per fortuna, i fantasmi fossero considerati come assoluti e potessero essere presi senza sfondo e ambiente, si tratterebbe di una falsa nozione dell'uomo e delle sue relazioni. Quindi sembrerebbe come se le persone potessero mettersi sotto la protezione di qualche potere, e quindi stare fuori e al sicuro contro la legge e l'ordine nel nostro mondo. Discernere quindi l'universo, il suo piano, i suoi fattori, il suo oggetto e la sua legge, per riconoscere la vera impostazione della fortuna.

L'universo diviso in natura e mente.

Il piano riguarda lo sviluppo della materia, in modo che diventi consapevole in gradi sempre più elevati. Nell'universo manifestato tutto ciò che è visibile e invisibile può essere approssimativamente classificato in base a due fattori. Una di queste è la natura, l'altra mente; tuttavia, la coscienza, essa stessa immutabile, è presente attraverso tutto. La natura include tutto nei quattro mondi dal lato involutivo. Pertanto comprende tutto ciò che è venuto all'esistenza dall'inizio delle manifestazioni nei quattro mondi, dallo spirito dal lato involutivo fino alla materia più grossolana. Il respiro, la vita, la forma e la materia fisica, in ciascuna delle loro fasi, sono inclusi nella natura e la natura predomina nel desiderio. La mente include mente e pensiero. La mente raggiunge il fisico ed è ciò lungo il quale sorge la natura, dal suo stato fisico a quello della mente perfetta.

La natura è materia, così come la mente è materia. La differenza tra questi stati della materia risiede nei gradi in cui la materia è cosciente. La natura non è conscia come mente, ma è consapevole solo dello stato in cui si trova, come respiro, vita, forma, materia fisica e desiderio. La mente è, tuttavia, materia che è conscia come mente, consapevole di se stessa e di altre cose nel suo stato, e che può essere consapevole degli stati sottostanti e degli stati sopra se stessa. La natura è materia non evoluta; la mente è materia in evoluzione cosciente. La materia, come qui usata, include lo spirito, essendo lo spirito l'inizio o il più fine stato della materia, e importa lo stato finale o più grossolano dello spirito. Invece dei termini precisi, spirito-materia e spirito-materia, il termine materia è in uso. L'uso è, tuttavia, colloquiale. Quindi, il termine, se non viene ricordato, è suscettibile di fuorviare. Questa materia, visibile e invisibile, è composta da unità definitive. Ogni unità è sempre materia spirituale e nessuna può essere scomposta o distrutta. Può essere cambiato L'unico cambiamento che tale unità può subire è che è successivamente consapevole in diversi stati. Fintanto che non è consapevole di nulla tranne che della sua funzione, è materia, materia-spirito, distinta dalla mente. La materia, quindi, per usare il termine colloquialmente, esiste in quattro mondi e in molti stati in ciascuno di questi. Gli stati differiscono nel grado in cui queste unità sono coscienti.

I quattro mondi della materia-spirito sono, per dare loro nomi - e un nome farà così come un altro fino a quando si comprende l'essenza di ciò che il nome rappresenta - il mondo del respiro, il mondo della vita, il mondo della forma , il mondo del sesso. Altri nomi, e questi sono stati usati in questi articoli sui fantasmi, sono la sfera del fuoco, la sfera dell'aria, la sfera dell'acqua e la sfera della terra. (Vedere La Parola, Vol. 20, p. 69) In questi mondi o sfere e sui vari piani di ciascuno di essi esistono i due fattori, la materia-spirito o la natura e la mente. La materia spirituale si manifesta come i quattro elementi occulti e gli esseri elementali in essi. La mente è attiva come mente e pensiero. Questi due sono intelligenti. In questo senso l'universo manifestato, essendo la coscienza presente in tutto, è costituito dalla natura e dalla mente. La natura coinvolge e la mente la contatta in tutte le fasi della sua involuzione, la incontra nel mondo fisico più intimamente e la solleva con se stessa attraverso la sua stessa evoluzione attraverso il pensiero.

Quindi la materia spirituale, che è la natura, coinvolge dallo spirituale al fisico, sprofondando e condensando attraverso quattro mondi. Nel più basso, il nostro mondo fisico, è incontrato dalla mente, che d'ora in poi lo solleva da uno stadio all'altro nel mondo fisico e così via attraverso il mondo psichico, il mondo mentale e il mondo spirituale della conoscenza, questi tre nomi che stanno qui gli aspetti sulla linea evolutiva del mondo della forma, del mondo della vita e del mondo del respiro. Le fasi dell'evoluzione corrispondono alle fasi dell'involuzione. Questo dà sette grandi stadi nei quattro mondi. I piani sono il piano della mente-respiro nella sfera del fuoco, il piano del pensiero vitale nella sfera dell'aria, il piano del desiderio di forma - una parte del quale è il piano astrale-psichico nella sfera dell'acqua, e il piano fisico nella sfera della terra. Su quei piani ci sono gli stadi dell'involuzione e dell'evoluzione, la materia è dello stesso grado o tipo su ciascun piano, ma differisce nel grado in cui la materia è cosciente. Questo è il piano su cui lavorano i due fattori.

Scopo dell'involuzione e dell'evoluzione.

Lo scopo dell'involuzione e dell'evoluzione è, per quanto riguarda gli esseri umani, dare alle menti un'opportunità di entrare in contatto con la materia fisica e quindi perfezionare la materia che diventa consapevole in gradi sempre più elevati, e allo stesso tempo dare alle menti l'opportunità di acquisire conoscenza di tutte le cose attraverso questa raffinazione che le mette in contatto con tutte le cose, attraverso i corpi fisici in cui vivono. Aiutando la natura si avvantaggiano. Questo schema, omettendo molte fasi, è semplicemente come una sezione trasversale dell'evoluzione a livello umano.

Nel corpo umano, quindi, tutta la natura è rappresentata e focalizzata. In questo meraviglioso corpo raggiungono e sono parti condensate dei quattro mondi. La natura è rappresentata come respiro, vita, forma e corpo fisico. Anche il desiderio è lì, ma è diverso, essendo più direttamente connesso con la mente. Il desiderio non è mente, se non in modo peculiare. Il desiderio è la parte più bassa, più oscura, più grossolana, non raffinata, non governata, illegale della mente, e quindi non ha i tratti che sono generalmente associati alla mente. Pertanto è stato detto che i due fattori sono la natura e la mente, che è rappresentata solo come mente e pensiero. La mente, tuttavia, nel suo senso più alto è la conoscenza; nel suo minimo desiderio. Nello stato medio, che è una miscela di desiderio e mente, si pensa.

Nel corpo umano c'è la natura e la mente. La natura è lì come un essere composito. La mente è lì e anche come essere. L'uomo della natura o l'uomo dei sensi è la personalità (vedi La Parola, Vol. 5, nn. 4, 5, 6); l'uomo-mente è chiamato individualità (vedi La Parola, Vol. 2, n. 4). Nella personalità sono disegnati i quattro elementi occulti. Ciò che è nell'uomo un senso è in natura un elemento (vedi La Parola, Vol. 5, n. 4, pag. 2; Vol. 20, p. 75). Gli organi e i diversi sistemi nel corpo fisico, ad eccezione del sistema nervoso centrale, appartengono tutti alla natura e alla composizione dell'uomo dei sensi.

L'evoluzione e la raffinazione si realizzano per quanto riguarda l'uomo dei sensi, mediante la reincarnazione della materia che è gli organi e i sensi; quanto all'uomo mentale, con le sue reincarnazioni in questi elementi modellati in forme sempre nuove, per lui e il suo lavoro. Il piano ha questo scopo a livello umano.

La legge e l'unica legge che controlla questi due processi di reincarnazione e reincarnazione è la legge del karma. I fantasmi della natura sono i mezzi usati per preparare le situazioni in cui l'uomo vive e quali sono il karma dell'uomo. Agiscono secondo le cosiddette leggi della natura e queste leggi, un altro nome per il karma, sono supervisionate dalle Intelligenze che presiedono alle azioni della natura. In questo modo gli elementali costruiscono quando è arrivato il momento della reincarnazione, nella madre, del corpo del non nato. Costruiscono secondo il design fornito loro. Quel disegno, portato dalla mente, è l'inizio del nuovo senso dell'uomo, ed è il legame che unisce i due germi di padre e madre. Gli elementali completano il disegno con la materia estratta dai quattro elementi e hanno completato la struttura al momento della nascita.

Quindi il bambino nasce con caratteristiche vincenti o spiacevoli, con deformità o afflizioni, per premiare l'ego interiore o per insegnargli ad astenersi da pensieri e azioni che hanno prodotto tali risultati (vedi La Parola, Vol. 7, n. 6, pagg. 13-19). I fantasmi della natura maturano in seguito il bambino allo stato adulto e sviluppano nel bambino le tendenze psichiche inerenti ad esso, che sono anche elementali. I fantasmi della natura forniscono l'ambiente della vita domestica, piacere, passatempi, ostacoli e tutto ciò che provoca gioia e problemi, tutto ciò che rende la vita sensuale dell'uomo. Ambizioni, riconoscimento di opportunità, avventure sono suggerite dai fantasmi della natura, e forniscono anche loro e portano l'uomo attraverso, se dà il suo pensiero e attenzione a queste cose. I fantasmi li forniscono quando il suo karma lo consente. Industria, perseveranza, attenzione, completezza, cortesia, portano ricompense che sono spesso anche fisiche, come ricchezza e conforto. Pigrizia, pigrizia, mancanza di tatto, indifferenza per i sentimenti degli altri, portano effetti che sono spesso fisici, come povertà, diserzione, difficoltà. Tutti gli eventi piacevoli o spiacevoli nel mondo esterno sono dovuti all'azione degli elementali sotto il controllo delle Intelligenze che regolano il karma della persona.

E ora in questi vasti mondi, in cui la nostra terra visibile è solo un corpo piccolo e impotente con abissi insondabili dentro e fuori, dove tutto procede secondo la legge fissa e inalterabile, dove non c'è disordine, dove natura e mente si incontrano e i risultati della loro interazione sono secondo la legge, dove innumerevoli flussi di spirito-materia e materia-spirito turbinano, scorrono e precipitano, si sciolgono, si dissolvono, sublimano, spiritualizzano e concretizzano di nuovo, attraverso i pensieri e il corpo dell'uomo, i lemniscati della natura e della mente, dove in questo modo la natura dai piani alti e spirituali sotto la legge coinvolge nella materia fisica, e sotto la legge si evolve attraverso l'uomo fino allo stato della materia conscia come mente, dove questo obiettivo come scopo fisso viene raggiunto attraverso il -incarnazione della materia e delle reincarnazioni della mente, e dove in tutti questi regni e processi il karma è la legge universale e suprema che tiene i quattro mondi con tutti i loro dei e fantasmi fino al più piccolo solo per un secondo, nel suo regno sicuro, dove c'è spazio per i fantasmi di fortuna e fortuna?

La prerogativa dell'uomo è il diritto di scegliere.

L'uomo ha il diritto di scegliere, sebbene entro certi limiti. L'uomo può scegliere di commettere errori. Il karma consente che, entro i limiti del karma degli altri e non oltre il potere del proprio karma accumulato, di reagire su di lui. Tra le altre cose, ha il diritto di scegliere quali dei che adorerà, se dei, o se dei o intelligenze, e se nei regni dell'uomo dei sensi o sulle altezze di una mente illuminata. Può anche adorare per prestazioni di dovere, industria, perseveranza, attenzione, completezza. Mentre gli atti sono fatti per fini terreni, portano i loro premi terreni, ma li portano legittimamente, e altro ancora, aiutano nello sviluppo della mente e del carattere e quindi portano il buon karma in un senso mondano. I fantasmi della natura, ovviamente, sono i servi che determinano condizioni terrene sotto tale karma. Al contrario, altri possono scegliere di essere indolenti, indolenti, privi di tatto e di non rispettare i diritti e i sentimenti degli altri. Anche loro alla fine incontrano i loro deserti e i fantasmi della natura forniscono la condizione per la caduta e i problemi. Tutto questo è secondo il karma. Il caso non ha nulla a che fare con questo.

Ci sono alcune persone che scelgono di adorare la nozione di caso. Non vogliono lavorare con il metodo legittimo per il successo. Desiderano una scorciatoia, anche se ritengono che sia illegittima. Vogliono favori, essere eccezioni, aggirare l'ordine generale e vogliono avere ciò per cui non pagano. Hanno la scelta di farlo, proprio come alcuni hanno la scelta di sbagliare. Il più ardente e potente di questi adoratori del caso crea fortuna fantasmi nel modo spiegato. È una questione di tempo in cui questi ardenti adoratori cambieranno la loro devozione verso qualche altro dio e così, sostenendo la gelosia e la rabbia del dio che avevano adorato, procurarono la loro sfortuna. Ma tutto ciò è secondo la legge; la loro fortuna è il loro karma nei limiti del loro potere di scegliere. Il karma usa come mezzo proprio il potere che i fortunati hanno guadagnato, per realizzare i propri fini.

Di rado un uomo con un fantasma di buona fortuna usa la sua fortuna per fini retti. L'uomo favorito da un fantasma fortunato riceve le sue ricompense troppo facilmente; crede nel caso e quella fortuna si acquisisce facilmente senza sforzi ardui. Questi sforzi sono tuttavia richiesti dalla legge cosmica. Crede che si possa fare molto per poco, perché quella è stata la sua esperienza o quella che crede sia l'esperienza degli altri.

Il suo atteggiamento mentale porta da sé la svolta del suo ciclo di fortuna.

I fantasmi della sfortuna, si ricorderà, sono di due tipi, quelli che un dio elementale irato ha inviato perché l'ex adoratore si è inchinato ad altri santuari a cavallo del suo ciclo di fortuna, e quelli che erano elementali già esistenti in natura e attaccati se stessi verso certi umani perché il loro atteggiamento mentale era un invito per i fantasmi a divertirsi con la sensazione di preoccupazione, inganno, autocommiserazione e così via. Questi fantasmi sfortunati sono autorizzati ad attaccarsi dal karma dell'umano. È semplice. Laddove un essere umano ha la tendenza a considerarsi martirizzato - essendo eccezionale, non compreso - tende a soffermarsi su questo. Quindi sviluppa un atteggiamento mentale in cui dominano le qualità di tristezza, preoccupazione, paura, incertezza, autocommiserazione. Tutto ciò è una fase di egotismo nascosto. Questo atteggiamento attira e invita, attraverso questi viali, elementali. Il karma quindi, per curare la persona di questi guai inutili, fa giocare gli elementali con lui. Questo è in accordo con la legge che guarda all'evoluzione della mente lasciandola imparare le lezioni, attraverso l'esperienza delle situazioni che ha prodotto.

Pertanto il lavoro dei fantasmi della buona fortuna e dei fantasmi della sfortuna, non importa quanto le loro azioni possano sembrare contrarie al corso generale degli affari sotto il dominio del karma, sono, se tutti i fatti che circondano il loro lavoro fossero noti, ben all'interno delle operazioni legge.